ottimiprodotti.it dedica molte ore alla ricerca e ai test per aiutarti a trovare i prodotti migliori da acquistare. Ogni prodotto viene selezionato in maniera indipendente dal nostro team. Se acquisti qualcosa tramite i link dei nostri contenuti, possiamo guadagnare una piccola commissione.

Migliori macchine da caffè 2021

Diciamoci la verità: un buon caffè al risveglio può far partire la giornata col piede giusto. Anche se per molti l’espresso al bar è irrinunciabile, niente batte il piacere di godersi il suo aroma intenso comodamente a casa. Ad un primo sguardo, le macchine da caffè potrebbero non sembrare dispositivi molto sofisticati, ma non c’è niente di più sbagliato: soprattutto per chi cerca un modello che non faccia semplicemente il caffè, ma un ottimo caffè. Solo i modelli migliori permettono di ottenere lo stesso risultato che al bar.

Prima di scrivere questo articolo, abbiamo preso in esame oltre 130 modelli di macchine da caffè, confrontandoli in base a funzionalità offerte, qualità delle bevande (con e senza latte), facilità d’uso, design e facilità di pulizia. Abbiamo tenuto conto dei consigli degli intenditori di caffè, analizzato i risultati dei test indipendenti e le recensioni degli utenti. Se volete saperne di più e conoscere tutti i segreti di un ottimo caffè, vi invitiamo a consultare la nostra guida, dove spieghiamo le differenze tra i vari metodi di preparazione del caffè e le caratteristiche essenziali che una macchina da caffè di qualità dovrebbe avere. Una volta capito come scegliere il modello migliore, come impostarlo in base alle vostre preferenze e come gestire la pulizia, otterrete un caffè perfetto in pochi minuti. E questo vi cambierà, se non la vita, almeno la giornata!

1. Melitta Barista TS Smart – La migliore nei test

Pensate che nessuna macchina da caffè domestica possa avvicinarsi all’espresso del bar? Siate pronti a ricredervi, perché Melitta ci arriva davvero vicino. Questa macchina automatica permette di preparare ben 21 bevande al caffè grazie alle opzioni preimpostate, che è possibile salvare su un massimo di 8 diversi profili utente. Il suo design solido ed elegante appaga la vista tanto quanto il suo caffè soddisfa il gusto.

La Melitta Barista TS Smart è dotata di due contenitori per i chicchi di caffè, ciascuno con capacità di 135 grammi. Questo significa che non sarete costretti a scegliere quale varietà acquistare e potrete preparare due caffè diversi nel giro di pochi minuti. C’è solo un macinacaffè di forma conica in acciaio inossidabile, ma è progettato in modo innovativo: alla fine di ogni sessione di macinazione sentirete un suono acuto. La macchina chiude dunque il serbatoio per impedire che rimangano residui, nel caso in cui il caffè successivo venga dall’altro scompartimento. Con la maggior parte delle altre macchine da caffè a doppio scompartimento, spesso ci si deve rassegnare ad avere un mix di aromi diversi ogni volta che si passa da una varietà all’altra. Se i due contenitori non dovessero essere abbastanza, c’è anche uno spazio per aggiungere il caffè in polvere, che può rivelarsi utile per il decaffeinato, ad esempio. Ricordate solamente di pulire con cura il compartimento extra per evitare che i residui di caffè ammuffiscano.

La Barista TS Smart offre 5 impostazioni per la macinatura. Quella predefinita che troverete al momento dell’acquisto è la più grossolana e la maggior parte degli esperti di caffè consiglia di cambiarla con l’opzione per la macinatura più fine, soprattutto per un risultato che si avvicini all’espresso del bar. La quantità della bevanda può essere regolata da 25 ml a 250 ml. Il vero espresso dovrebbe essere di 25 ml e, quando viene selezionato questo volume, i risultati di Melitta sono sorprendenti. Sebbene l’aroma del caffè sia un po’ più leggero rispetto alle macchine con portafiltro, ha comunque un gusto gradevole e ricco che conserva gli aromi dei chicchi, oltre ad una crema corposa. La bevanda viene preparata rapidamente, servita a temperatura di 63° C e il macinacaffè funziona in modo straordinariamente silenzioso, senza produrre vibrazioni.

Anche la sfida del latte schiumato è stata vinta. La maggior parte delle macchine da caffè automatiche ha difficoltà a produrre una schiuma omogenea, ma Melitta eccelle da questo punto di vista. La schiuma è delicata e cremosa e ha un gusto gradevole. Alcuni la trovano leggermente troppo ferma rispetto a quella montata manualmente, ma nel complesso i risultati sono impressionanti. La macchina sa in quale ordine aggiungere gli ingredienti, e i cappuccini e le bevande a base di latte si presentano come previsto. Le assegniamo anche dei punti bonus perché il contenitore del latte può essere posizionato su entrambi i lati della macchina, permettendo di gestire al meglio lo spazio in cucina. L’altezza del beccuccio è regolabile fino a 14 cm, così da adattarsi anche ai bicchieri e alle tazze più alte.

Melitta non si limita solamente alle 21 ricette proposte, ma vi sarà possibile sperimentare e trovare la combinazione perfetta, che come abbiamo visto può essere salvata sul vostro profilo. La macchina la ricorderà anche se viene scollegata dalla corrente. Le impostazioni di macinatura devono essere modificate manualmente, ma tutto il resto può essere regolato attraverso i pulsanti sul pannello o tramite l’app Melitta Connect. Potrete impostare la quantità di caffè in polvere, acqua e latte, la temperatura della bevanda, selezionare quale compartimento dei chicchi di caffè utilizzare, quante dosi di caffè espresso aggiungere, in quale ordine devono essere versati gli ingredienti e così via. Talvolta, i pulsanti e i cursori non rispondono immediatamente ed effettuare le regolazioni in questo modo può essere fastidioso. Per questo motivo vi consigliamo di utilizzare l’app, che permette di fare tutto con facilità e consente di personalizzare le bevande in modo intuitivo. L’app Melitta Connect è compatibile con iOS e Android. L’unico svantaggio è che utilizza il Bluetooth, e dunque non potrete ordinare il caffè mentre siete a letto.

La pulizia è estremamente semplice: Barista TS Smart risciacqua automaticamente le parti e sterilizza col vapore il contenitore del latte, avvisandovi quando è necessario scrostare le pareti, svuotare il vassoio di raccolta o aggiungere l’acqua. L’utente viene anche istruito su come eseguire queste attività. L’unità di infusione è rimovibile e può essere pulita sotto l’acqua corrente, ma la macchina non vi ricorderà di fare questa operazione. Per evitare che i residui vecchi formino della muffa e possano rovinare le bevande, si consiglia di pulire questo componente almeno una volta alla settimana. Alcuni utenti trovano difficile svuotare il vassoio, lungo e poco profondo, ma è sufficiente un po’ di pratica per imparare.

Nel complesso, è difficile trovare svantaggi significativi nella Barista TS Smart. È senza dubbio una macchina costosa, ma considerando la qualità delle bevande, la facilità d’uso, il livello di personalizzazione offerto, la manutenzione semplice e i comandi attraverso l’app intuitiva e divertente, il prezzo è più che giustificato. Le macchine da caffè migliori non sono economiche e ci sono modelli che costano di più e offrono meno. Un altro svantaggio sono le dimensioni: il design è snello, ma la macchina ha una profondità di quasi 47 cm. Sistemarla in cucine molto piccole può essere una sfida, ma se riuscite a trovare lo spazio e il prezzo non vi spaventa, Melitta Barista TS Smart impressionerà ospiti e familiari con bevande praticamente perfette e non sovraccaricherà il lavoro domestico aggiungendo noiose routine di pulizia.

PRO

  • Ottima per l’espresso e per schiumare il latte
  • Doppio scompartimento per i chicchi di caffè
  • Ampia selezione di ricette
  • Silenziosa
  • Facile da pulire

CONTRO

  • Costosa
  • Ingombrante
  • Alcuni utenti lamentano problemi di connettività dell’app

Specifiche tecniche

  • Macinacaffè (tipo/materiali): Conico/acciaio inossidabile
  • Capacità del contenitore dei chicchi: 2 x 135 g
  • Sistema per schiumare il latte: Contenitore esterno
  • Capacità del serbatoio per l’acqua: 1,8 l
  • Filtro per l’acqua: Sì
  • Pressione massima: 15 bar
  • Scompartimento per caffè già macinato: Sì
  • Due bevande nello stesso momento: Sì
  • Dimensioni: 46.7 x 25.9 x 37.2 cm
  • Peso: 10,4 kg

Controlla il prezzo

2. Siemens EQ.9+ connect s500 – La migliore completamente automatica

Se prendiamo come standard l’espresso del bar per valutare le macchine da caffè, bisogna ammettere che la serie EQ.9 di Siemens è in leggero vantaggio rispetto a Melitta Barista. La EQ.9 è dotata di un macinacaffè in ceramica che consente una macinatura più fine e precisa ed esalta le sfumature di sapore dei chicchi. Inoltre, il macinacaffè Siemens è tra i più silenziosi in commercio. Se volete fare un caffè nel bel mezzo della notte senza svegliare nessuno, questo è il modello per voi.

Siemens EQ.9 è progettata per mantenere la temperatura durante il processo di infusione, un aspetto cruciale per salvaguardare la qualità dell’espresso. Le bevande vengono servite alla temperatura ottimale di 64° C. La quantità standard dell’espresso è un po’ fuori misura (40 ml), ma è regolabile tra 20 e 250 ml. Questo intervallo ben si adatta a preparare differenti bevande. La Siemens EQ.9 offre 15 ricette personalizzabili che possono essere salvate su 10 diversi profili utenti, il che la rende eccellente anche per l’ufficio.

Per quanto riguarda la qualità del caffè, questa macchina passa i test a pieni voti. Dopo aver selezionato l’impostazione per ottenere un gusto più forte e regolato il volume a 25 ml, la EQ.9 farà un espresso vicino alla perfezione, con un gusto ricco e una crema corposa. Anche il sistema per schiumare il latte è eccellente e produce una schiuma ferma e omogenea. Questa macchina da caffè ha un montalatte integrato che permette di risparmiare spazio. Il tubo per il latte può anche essere posizionato in un contenitore esterno (come un cartone o un bicchiere), di modo da rendere la pulizia più semplice. Abbiamo molto apprezzato che la Siemens lasci questa libertà di scelta. Inoltre, come per il modello Melitta, c’è la possibilità di preparare due drink nello stesso momento, così non dovrete più discutere per decidere di chi sarà il primo cappuccino.

Il livello di personalizzazione offerto è eccellente e ci sono degli extra piacevoli, come il preriscaldamento delle tazze. Si può impostare l’intensità del caffè, la macinatura, il tempo di pre-infusione, la temperatura, il volume, il bilanciamento caffè/latte e molto altro ancora. Non esiste caffè che la EQ.9 non sia in grado di servire. Il suo design è ottimo tanto quanto le sue funzioni, grazie all’involucro in acciaio inossidabile e il display a colori facile da usare. La garanzia fino a 15 mila bevande la dice lunga sulla longevità di questa macchina.

Come la Melitta Barista TS Smart, anche questa macchina ha una sua app. Vi basterà collegare la EQ.9 alla rete domestica e potrete iniziare ad ordinare il vostro caffè. L’applicazione offre alcune funzioni utili (ad esempio è possibile scaricare ricette da tutto il mondo), ma non è così intuitiva e offre meno funzioni rispetto all’app di Melitta. Alcuni utenti hanno addirittura segnalato di preferire i controlli sulla macchina stessa.

La pulizia è semplice: è incluso un programma automatico per il sistema di infusione e il tubo del latte, e la macchina fornisce indicazioni all’utente su quando è ora di pulire o svuotare il vassoio. L’unità di infusione può sia essere estratta che pulita lasciandola al suo posto. C’è poco di cui lamentarsi riguardo questa macchina, ad eccezione del suo prezzo elevato. Anche la EQ.9 è grande e pesante, ma supera il modello Melitta per qualità del caffè e silenziosità. Ad ogni modo, abbiamo tenuto in considerazione il notevole divario di prezzo tra le due macchine, oltre al fatto che l’app Siemens è piuttosto indietro rispetto a quella di Melitta. Pertanto, riteniamo che quest’ultima si posizioni meglio e offra un rapporto leggermente migliore tra gusto, funzionalità e prezzo. Detto questo, per i caffeinomani più esigenti la EQ.9 potrebbe essere l’investimento migliore.

PRO

  • Espresso e schiumatura del latte eccellenti
  • Sistema per incorporare il latte integrato
  • Ampia selezione di ricette
  • App per personalizzare le bevande e trovare nuove ricette
  • Molto silenziosa
  • Facile da pulire

CONTRO

  • Costosa
  • Funzionalità dell’app limitate

Specifiche tecniche

  • Macinacaffè (tipo/materiali): A disco/acciaio inossidabile
  • Capacità del contenitore dei chicchi: 290 gr
  • Sistema per schiumare il latte: Integrato (possibilità di un contenitore esterno)
  • Capacità del serbatoio per l’acqua: 2,3 l
  • Filtro per l’acqua: Sì
  • Pressione massima: 19 bar
  • Scompartimento per caffè già macinato: Sì
  • Due bevande nello stesso momento: Sì
  • Dimensioni: 46.99 x 31.59 x 39.19 cm
  • Peso: 11,67 kg

Controlla il prezzo

3. Delonghi ECAM 22.110.B Magnifica S – Il miglior rapporto qualità prezzo

Dal momento che abbiamo basato le nostre recensioni sul rapporto tra funzionalità, prezzo e gusto, è giusto tenere conto anche delle persone non hanno bisogno di decine di ricette preimpostate, display a colori, interazioni con il cellulare e altri extra, ma semplicemente di una macchina solida ed economica che offra un buon livello di personalizzazione nella creazione delle bevande. La Delonghi Magnifica S è questo modello: include tutte le funzioni essenziali e non vi farà pagare per optional che non userete mai.

Questa macchina è dotata di un macinacaffè conico in acciaio inossidabile, sorprendentemente silenzioso per la sua categoria. Certamente la Magnifica S non può essere paragonata alla macchina da caffè Siemens sotto questo punto di vista, ma il livello di rumorosità è soddisfacente. È possibile selezionare 13 livelli di macinazione, da grossolana a molto fine, ma alcuni utenti hanno segnalato che la macchina ha problemi con le due impostazioni più fini, che tendono ad ostruire il meccanismo. Restano comunque 11 impostazioni che fanno il loro dovere, il che è impressionante per una macchina in questa fascia di prezzo.

Anche se non c’è il display e la macchina non ha un’app, il pannello di controllo con sei pulsanti e una manopola permette una facile selezione e personalizzazione delle bevande. L’altezza del beccuccio può essere regolata all’occorrenza per adattarsi a tazze e tazzine. La macchina permette di selezionare un espresso singolo o doppio e ha dei pulsanti per fare il caffè lungo, tipo americano, anche qui singolo o doppio. La manopola consente di regolare l’intensità del caffè alla perfezione. L’impostazione predefinita per l’espresso è 40 ml, decisamente troppo acquoso rispetto allo standard, ma è possibile regolare il volume in base alle proprie preferenze. Personalizzando la macinatura, la quantità di caffè e di acqua, la Magnifica S è in grado di offrire un espresso che accontenti tutti e che può competere con le macchine da caffè più costose.

Per quanto riguarda la schiumatura del latte, dovrete farla voi stessi. C’è un accessorio per il vapore che potrebbe richiedere un po’ di pratica, per ottenere la schiuma desiderata. Ma una volta imparato, la schiuma di questa macchina non ha niente da invidiare alle altre. La stragrande maggioranza dei bar non ha un montalatte a vapore automatico e se il procedimento viene fatto manualmente, un motivo ci sarà.

La pulizia di Magnifica S è semplice: la macchina ha il proprio programma di pulizia automatica, e a voi resterà da svuotare i vassoi, lavare l’unità di infusione estraibile ed eseguire la decalcificazione – la stessa routine della maggior parte dei modelli automatici. Tutte le componenti si lavano molto velocemente, ma non possono essere messe in lavastoviglie. Per quanto riguarda il pannarello – ovvero l’accessorio per schiumare il latte – pulirlo è davvero semplice, ma bisogna farci l’abitudine. Avrete bisogno di un panno spesso e robusto: bagnatelo e avvolgetelo attorno al tubicino, poi fate uscire il vapore per alcuni secondi, in modo da eliminare eventuali tracce residue di latte. Durante questa operazione, fate sempre attenzione a non scottarvi.

Concludendo, la Delonghi Magnifica S è una macchina da caffè compatta e affidabile con un rapporto qualità prezzo eccellente. Se potete sacrificare gli extra e siete disposti ad imparare a schiumare il latte manualmente, questo modello vi servirà un ottimo caffè facendovi risparmiare allo stesso tempo.

PRO

  • Espresso di qualità
  • Economica
  • Opzioni di personalizzazione essenziali ma funzionali
  • Compatta
  • Facile da pulire

CONTRO

  • Il latte va schiumato manualmente
  • Non ha il display
  • Le opzioni di macinatura più fine non sempre funzionano

Specifiche tecniche

  • Macinacaffè (tipo/materiali): Conico/acciaio inossidabile
  • Capacità del contenitore dei chicchi: 250 gr
  • Sistema per schiumare il latte: Manuale
  • Capacità del serbatoio per l’acqua: 1,8 l
  • Filtro per l’acqua: Sì
  • Pressione massima: 15 bar
  • Scompartimento per caffè già macinato: Sì
  • Due bevande nello stesso momento: Sì
  • Dimensioni: 43 x 23.8 x 35.1 cm
  • Peso: 9 kg

Controlla il prezzo

4. Melitta Ci Touch – La migliore per il cappuccino

L’espresso è un piacere irrinunciabile, ma siamo onesti: se non amate cappuccini e bevande a base di latte non ha senso investire in una macchina da caffè automatica. Eppure, anche i modelli top di gamma possono avere qualche difficoltà nel creare una schiuma cremosa, soffice e ferma come quella del bar. Melitta Ci Touch si eleva al di sopra della concorrenza e i risultati sono ottimi anche per quanto riguarda l’espresso.

Melitta ha un macinacaffè conico in acciaio inossidabile e la macinatura può essere impostata su cinque livelli diversi di finezza. Il livello di rumorosità è tollerabile, sebbene non sia il modello più silenzioso in circolazione (ma nemmeno il più rumoroso). Il design è abbastanza imponente, ma robusto. Il sistema di schiumatura del latte non è integrato e dunque avrete bisogno di posto sia per la macchina che per il contenitore aggiuntivo. La sua stazza è giustificata dal fatto che la Ci Touch ha due scomparti per i chicchi di caffè e può preparare due bevande simultaneamente. C’è anche uno scompartimento per il caffè macinato. Tuttavia, il macinacaffè non si aziona finché non viene svuotato, come la nostra prima scelta Melitta Barista. Ciò significa che dovrete fare un caffè che verrà preparato con entrambe le tipologie di chicchi, ogni volta che vorrete passare da un contenitore all’altro.

I controlli della Ci Touch sono semplici e intuitivi. L’altezza del beccuccio può essere regolata e ci sono quattro tasti per le bevande, un display a colori LCD e una manopola per le regolazioni. Attraverso questi si può selezionale l’intensità dell’aroma, la temperatura di infusione, le opzioni di macinatura, la quantità d’acqua, di latte e di schiuma. È possibile salvare nella memoria della macchina fino a 4 diverse impostazioni sul profilo dell’utente.

Nei test, Melitta Ci Touch ha preparato un ottimo espresso con un’eccellente crema. I puristi dell’espresso dovranno cambiare le impostazioni di fabbrica da 50 ml a 25 ml, il valore più basso offerto. Ma il punto di forza di questa macchina è sicuramente il sistema per schiumare il latte. Forse il design non è tra i più ricercati, ma la qualità è la stessa del bar. Il suo sistema offre una schiuma perfetta, setosa ed omogenea. Questa macchina non sa solo come schiumare il latte, ma anche come dosare correttamente gli ingredienti. I cappuccini hanno la giusta quantità di schiuma e nel caffellatte l’espresso si inserisce perfettamente tra il latte e la crema. Anche utilizzando latte vegetale (come quello all’avena o alle mandorle) il risultato è stato superiore rispetto a molte bevande simili servite al bar.

La pulizia di Melitta assomiglia molto a quella di altre machine da caffè completamente automatiche. La macchina risciacqua da sé l’unità di infusione e fa scorrere il vapore attraverso il pannarello. Alcuni utenti lamentano che il vassoio per lo scolo è troppo piccolo e va svuotato spesso, ma dal punto di vista igienico, è consigliabile pulire i vassoi il più spesso possibile. L’unità di infusione può essere rimossa facilmente e lavata sotto l’acqua corrente, mentre la decalcificazione andrebbe eseguita almeno una volta all’anno (più spesso sarebbe meglio, specialmente se la vostra acqua di rubinetto è molto dura). Inoltre, Melitta consiglia di pulire settimanalmente il contenitore del latte con il suo speciale liquido detergente, ma è certamente possibile utilizzare un prodotto simile di un altro produttore.

Fatta eccezione per il suo design massiccio, non ci sono molte altre critiche da fare a Melitta Ci Touch. Se avete spazio sufficiente e avete un debole per i cappuccini schiumosi, questa è la macchina da caffè dei vostri sogni.

PRO

  • Espresso di buona qualità
  • Eccellente schiumatura del latte
  • Opzioni di personalizzazione essenziali ma funzionali
  • Facile da pulire

CONTRO

  • Costosa
  • Ingombrante
  • Design semplicistico e contenitore del latte in plastica

Specifiche tecniche

  • Macinacaffè (tipo/materiali): Conico/acciaio inossidabile
  • Capacità del contenitore dei chicchi: 2 x135 gr
  • Sistema per schiumare il latte: Contenitore esterno
  • Capacità del serbatoio per l’acqua: 1,8 l
  • Filtro per l’acqua: Sì
  • Pressione massima: 15 bar
  • Scompartimento per caffè già macinato: Sì
  • Due bevande nello stesso momento: Sì
  • Dimensioni: 47,3 x 25,5 x 35.2 cm
  • Peso: 9 kg

Controlla il prezzo

5. Philips EP5335/10 5000 – La più compatta

 

Le macchine da caffè completamente automatiche sono dispositivi ingombranti, dopotutto includono il macinacaffè, l’unità di erogazione e quella per il latte. Soprattutto in cucina ogni centimetro di spazio conta e, fortunatamente, ci viene in aiuto la Philips EP5335, una macchina sorprendentemente compatta che non scende a compromessi sulla qualità delle bevande.

Questo modello ha un design robusto ma elegante e l’acciaio inossidabile gli dà un aspetto classico. Il macinacaffè a dischi in ceramica è relativamente silenzioso e può essere regolato su cinque livelli. Tuttavia, è possibile cambiare solo un livello alla volta e solo quando il mulino è in funzione. Questo significa che dopo ogni cambiamento, la prima bevanda servita conterrà 2-3 macinature diverse. Questa è l’unica impostazione che lascia un po’ perplessi, mentre tutte le altre funzionano in modo semplice. Sul pannello sono presenti sei pulsanti e uno schermo LCD. L’utente può scegliere il volume della bevanda (5 opzioni disponibili), tre temperature di erogazione e anche regolare la quantità di acqua e latte. Uno dei punti di forza di EP5335 è che il volume minimo selezionabile è pari a 20 ml, ideale per gli amanti del caffè ristretto. Durante i test, questa macchina da caffè ha prodotto un espresso eccezionale, con un aroma ricco e una crema uniforme. Come con altri modelli automatici, è necessario impostare una macinatura più fine e regolare la quantità di caffè per ottenere un gusto più equilibrato.

L’innovazione più significativa di Philips è LatteGo, la tecnologia per schiumare il latte perfetta per chi ama il cappuccino, ma odia pulire la macchina da caffè. Il sistema LatteGo è composto da sole due parti e la pulizia del tubo per il latte è estremamente semplice da fare sotto l’acqua corrente. Il contenitore può anche essere rimosso e inserito in frigorifero. L’unico svantaggio è la capacità ridotta del sistema. Con soli 260 ml, non riuscirete a preparare molte bevande senza rimboccarlo. Va anche detto che LatteGo è il sicuramente il sistema più semplice da pulire, ma non produce la migliore schiuma. Le bevande a base di latte di questa macchina sono di buon livello per la sua fascia di prezzo, ma gli esperti concordano che la qualità è inferiore rispetto ai modelli più costosi. Nei test è emerso che si formano bolle d’aria che compromettono la fermezza della schiuma, ma la Philips EP5335 si comporta comunque meglio di altre machine con montalatte incorporato.

Per quanto riguarda la manutenzione, EP5335 richiede lo stesso impegno di altri modelli all-in-one. Ciò significa che dovrete risciacquare regolarmente l’unità di erogazione rimovibile, il serbatoio dell’acqua e svuotare i vassoi. Alcuni utenti hanno segnalato che questo modello rilascia molta acqua e che la vaschetta deve essere svuotata più spesso di quanto vorrebbero. Tuttavia, la decalcificazione può essere eseguita meno spesso rispetto ad altre macchine da caffè – a condizione che si installi il filtro AquaClean e lo si cambi regolarmente. In questo caso, EP5335 può fare fino a 5000 bevande prima di effettuare la decalcificazione.

In conclusione, la Philips EP5335 è una macchina automatica con un buon rapporto qualità-prezzo. Le sue performance non saranno impressionanti come i modelli di fascia alta, ma questo modello ha tutte le funzioni essenziali per fare un ottimo caffè, insieme ad un design compatto, manutenzione semplice e prezzo economico.

PRO

  • Buona qualità dell’espresso
  • Conveniente
  • Opzioni di personalizzazione essenziali ma funzionali
  • Compatta
  • Sistema per schiumare il latte facile da pulire

CONTRO

  • Rumorosa
  • Schiuma mediocre
  • Contenitore per il latte di piccole dimensioni

Specifiche tecniche

  • Macinacaffè (tipo/materiali): A dischi/ceramica
  • Capacità del contenitore dei chicchi: 250 gr
  • Sistema per schiumare il latte: Integrato
  • Capacità del serbatoio per l’acqua: 1,8 l
  • Filtro per l’acqua: Sì
  • Pressione massima: 15 bar
  • Scompartimento per caffè già macinato: Sì
  • Due bevande nello stesso momento: No
  • Dimensioni: 43 x 22,1 x 34 cm
  • Peso: 7,2 kg

Controlla il prezzo

Guida all’acquisto

Fare il caffè è un’operazione semplice solo in apparenza: il mondo dell’espresso è ricco di sfumature e aromi da scoprire. Il processo è tutt’altro che banale: dalla selezione dei chicchi all’infusione, persino il minimo errore può influenzare il risultato. In questa guida spieghiamo la differenza tra le varie macchine da caffè, come funzionano e come effettuare una corretta manutenzione. Ma per preparare un buon espresso bisogna prima conoscere il processo che c’è dietro. Scopriamolo insieme.

Preparare l’espresso perfetto

Sapevate che esistono degli standard ISO per l’espresso? Questa bevanda viene preparata dal processo di infusione dell’acqua con la polvere di caffè. Il risultato perfetto è un caffè con volume di circa 25 ml dall’aroma ricco e intenso. La caratteristica unica di un espresso preparato correttamente è la crema corposa e color nocciola che si forma sulla sommità della bevanda.

Per ottenere tutto ciò è importante prestare attenzione ad ogni singola fase della preparazione: la quantità e la temperatura dell’acqua, la pressione applicata, la finezza della macinatura, la qualità e la tostatura dei chicchi e così via. Preparare l’espresso perfetto con la moka è certamente possibile, ma le macchine da caffè offrono risultati eccellenti e sono l’ideale per coloro che preferiscono che il proprio espresso sia più simile a quello del bar.

Tipologie di macchine da caffè

Il mondo delle macchine da caffè è estremamente variegato: i modelli manuali sono i più economici e hanno un gran potenziale, dal momento che l’utente può controllare ogni singolo passaggio. Lo svantaggio è che dovrete imparare a macinare e pressare il caffè nel portafiltro e inserire quest’ultimo tirando la leva nel modo giusto. Per schiumare il latte avrete bisogno di un portafiltro separato e di un’unità per scaldare il latte. La pulizia di una macchina manuale è anche piuttosto laboriosa.

Se tutto ciò vi sembra troppo complicato per il vostro caffè mattutino, ma aspirate comunque a sviluppare le abilità di un barista professionista, le macchine da caffè espresso semiautomatiche potrebbero piacervi di più. Queste impiegano una pompa per applicare la corretta pressione e far fuoriuscire il caffè; il barista dovrà solo concentrarsi sulla macinatura e pressare correttamente il portafiltro. I modelli semi-automatici sembrano quelli che vedete nei bar, ma sono più piccoli. Molte di queste macchine da caffè sono dotate di uno strumento per il vapore integrato per schiumare il latte; tuttavia, potrebbe volerci un po’ di pratica per imparare ad utilizzarlo ed ottenere il risultato perfetto.

Infine, arriviamo alla soluzione migliore per i caffeinomani: le macchine da caffè completamente automatiche. Anche chiamati all-in-one, questi modelli sono in grado di fare tutto da soli: macinare i chicchi, pressare il caffè nel portafiltro, applicare la giusta pressione, riscaldare l’acqua e schiumare il latte. Il rovescio della medaglia è che non potrete controllare il processo e per essere sicuri che niente vada storto, dovrete probabilmente spendere molto. Ad essere onesti, nemmeno la macchina da caffè più costosa può rimpiazzare del tutto il barista di fiducia, sebbene alcune ci arrivino molto vicino. Così vicino, che per molti le differenze sono trascurabili. Le macchine all-in-one offrono opzioni di personalizzazione avanzate e possono preparare le ricette delle bevande più popolari. Questi vantaggi si uniscono ad un processo semplice di pulizia e al comfort di poter bere un caffè praticamente perfetto ogni volta che volete. Insomma, il prezzo alto è più che giustificato, soprattutto perchè non dovrete più andare al bar così spesso.

Un discorso a parte meritano le macchine da caffè integrate. Per quanto riguarda le funzionalità, sono molto simili ai modelli completamente automatici, ma possono essere incassate all’interno della cucina per risparmiare spazio. La macchina integrate hanno un design piacevole ma sono costose, anche nella manutenzione, e per questo vengono considerate un vero e proprio investimento, adatto agli appassionati di caffè più irriducibili.

Se non siete fan dell’espresso del bar, un’altra opzione è la macchina da caffè con filtro, che fa passare lentamente l’acqua attraverso i chicchi e il risultato è una bevanda più leggera, perfetta anche per grandi gruppi o per chi preferisce il caffè leggermente lungo.

Infine, per chi cerca la massima praticità e non ha voglia di pulire, le macchine con le capsule sono la soluzione perfetta. Sono estremamente semplici da utilizzare: basta inserire la capsula, premere il bottone e la macchina prepara l’espresso. Dal momento che il caffè è nel suo piccolo contenitore, non c’è bisogno di pulire nulla. Lo svantaggio è che le varietà sono limitate. Molte capsule producono un caffè soddisfacente, ma non avrete la possibilità di andare in cerca di aromi speciali o chicchi pregiati. Inoltre, la maggior parte dei produttori produce capsule non riciclabili che generano una gran quantità di rifiuti. L’unica eccezione è Nespresso, che produce capsule 100% in alluminio riciclabile. Per saperne di più sulle macchine da caffè Nespresso, potete consultare questo articolo.

Il diavolo è nei dettagli: uno sguardo all’interno delle macchine da caffè

Considerato che le macchine da caffè automatiche sono le più complesse, cerchiamo di esaminarle nei dettagli. Queste includono svariati componenti essenziali che non solo contribuiscono al gusto del vostro caffè, ma anche alla funzionalità d’uso della macchina.

Macinacaffè

C’è un motivo se iniziamo la nostra panoramica da qui: persino i chicchi di caffè migliori andranno sprecati se la qualità del macinacaffè è mediocre. I maestri del caffè espresso preferiscono unità separate, mentre nel caso delle macchine da caffè automatiche il macinacaffè è integrato. Quest’ultima soluzione non funziona bene come la prima, ma le aziende hanno migliorato notevolmente il sistema di macinazione negli ultimi anni.

La prima cosa da sapere sui macinacaffè è che possono essere realizzati in acciaio inossidabile oppure in ceramica. I secondi sono ritenuti i più silenziosi, durano a lungo e si surriscaldano meno. Dall’altra parte, i macinacaffè in acciaio sono robusti e molto più economici. La forma della macina è altrettanto importante e possiamo distinguere tra modelli conici e a dischi. La prima opzione produce quella che viene chiamata macinatura bimodale, con alcune parti del chicco che rimangono leggermente più grossolane. I macinacaffè a dischi permettono di ottenere un risultato uniforme, anche quando si seleziona l’opzione di macinazione più fina. Gli esperti sostengono che la macinatura bimodale può causare un’eccessiva estrazione di caffè dalle particelle più fini mentre l’acqua rimane all’interno di quelle più grandi: questo potrebbe dare una nota amara alla vostra bevanda.

La macinatura unimodale permette di estrarre note più dolci e ricche di gusto. Almeno in teoria, considerato che il modo in cui la macchina gestisce la macinatura è altrettanto importante. Molti modelli all-in-one automatici fanno fatica ad estrarre il caffè da macinature molto fini, rendendo questa funzionalità inutile. Le macine di forma conica sono più convenienti e diffuse nei modelli per uso domestico. Se preferite utilizzare la macchina da caffè per cappuccini, bevande a base di latte e caffè lungo, probabilmente non noterete nemmeno la differenza, per cui potete tranquillamente scegliere un modello con macina di forma conica.

Sistema di infusione

Un altro elemento cruciale in una macchina da caffè è il sistema di infusione. Una volta che i chicchi sono stati macinati, l’unità di infusione pressa la polvere in un disco e vi fa passare attraverso l’acqua calda, producendo così il vostro caffè. Diversi modelli hanno un’unità di infusione non rimovibile e il motivo è che il loro sistema di pulizia automatico è considerato così efficace che il lavaggio a mano non è necessario, almeno secondo il produttore. La nostra opinione è che niente al mondo è tanto efficiente da non beneficiare di un lavaggio manuale approfondito di tanto in tanto. Per non rischiare formazione di muffe o microrganismi sarebbe meglio scegliere un modello con unità d’infusione rimovibile: lavarla regolarmente assicura un caffè migliore e una maggiore longevità alla vostra macchina.

Pompa

Come già accennato in precedenza, la pressione è un aspetto fondamentale nel processo di estrazione dell’espresso. I produttori tendono a dare i numeri in questo senso, inducendo i clienti a credere che un valore più alto significhi un caffè migliore. Sbagliato! In una macchina manuale, per ottenere l’espresso perfetto bastano solo 9 bar di pressione. Allora perché le macchine automatiche ne hanno di più? Semplicemente perché non funzionano allo stesso modo di quelle manuali. La qualità della macinatura e la struttura del macinacaffè influenzeranno molto il risultato. Una macchina può vantare 19 bar, ma faticare ad estrarre una macinatura fine. Per questo motivo, meglio affidarsi alle recensioni degli esperti e degli utenti, più che ai valori indicati sulla confezione.

Sistema per schiumare il latte

Abbiamo parlato abbastanza dell’espresso, è arrivato il momento di concentrarsi sul latte e sui cappuccini. In generale, è possibile scegliere fra tre diversi sistemi per schiumare il latte e ciascuno ha i suoi pro e contro.

Pannarello: Si chiama così quel tubicino metallico che eroga vapore e permete di schiumare il latte. Si tratta dell’opzione più semplice ed economica e richiede un po’ di lavoro manuale. è l’attrezzo che più di tutti permette di ottenere una schiuma liscia e omogenea e metterà alla prova le vostre abilità. Le macchine da caffè con il montalatte a vapore sono altrettanto semplici da pulire, ma anche queste richiedono un po’ di manualità. Non tutti amano schiumare il latte manualmente e spesso l’operazione richiede un bel po’ di pratica prima di raggiungere i risultati desiderati.

Montalatte esterno: i modelli di questo tipo hanno un contenitore separato per il latte e un tubicino che lo collega alla macchina stessa. Il loro design è più ingombrante, ma la buona notizia è che il contenitore del latte può essere riposto in frigorifero e la pulizia è estremamente semplice. Diversi modelli permettono anche di usare direttamente il cartone del latte: un’opzione conveniente per quelle persone che non consumano lo stesso tipo di latte.

Montalatte interno: le macchine da caffè con montalatte interno o integrato funzionano in modo simile ai modelli con contenitore esterno, ma il loro design è più accattivante ed occupano meno spazio. Questo è un vantaggio, perchè una macchina progettata in modo approssimativo sarà più ostica da pulire. Lo svantaggio è che la maggior parte dei sistemi per schiumare il latte automatici (sia interni che esterni) producono una schiuma mediocre e sono i modelli di fascia alta raggiungono i risultati sperati. Abbiamo ampiamente tenuto conto di questo aspetto nelle nostre recensioni.

Sebbene tradizionalmente il latte più usato per il cappuccino è quello vaccino con almeno il 3,5% di grassi, anche il latte scremato o parzialmente scremato riesce a formare una schiuma accettabile. Per quanto riguarda le alternative vegetali, dovrete sperimentare un po’, ma non sarà difficile trovare opzioni valide. La soia e vari tipi di frutta secca funzionano bene, mentre il latte di riso è noto per essere praticamente impossibile da schiumare.

Scompartimento per i chicchi di caffè

Proprio come a volte le persone amano provare diversi tipi di latte nel loro caffè, allo stesso modo potreste aver voglia di sperimentare con chicchi di diverse varietà. Se la macchina viene condivisa da un gruppo ampio di persone, due scompartimenti per i chicchi sono l’ideale. Uno dei due può essere utilizzato, ad esempio, per il decaffeinato, oppure potrete semplicemente tenere due varietà diverse. Tuttavia, molti modelli con due scompartimenti includono un solo macinacaffè. Sebbene la macina sia costruita per operare fino a che non si svuota completamente (come per la nostra scelta top Melitta Barista TS Smart), ricordate di fare un caffè “a vuoto” quando passate da una varietà all’altra, a meno che non vogliate un espresso che sia un mix di sapori. Alcune macchine da caffè hanno due macine separate, ma sono anche più costose.

Serbatoio per l’acqua

Un serbatorio per l’acqua capiente avrà bisogno di essere riempito meno spesso, ma avrà anche bisogno di più spazio. È anche vero che dovrete svuotarlo e lavarlo comunque, qualsiasi siano le sue dimensioni, e che un contenitore troppo grande per i vostri bisogni porterà solamente ad uno spreco d’acqua.

Un altro aspetto da considerare è la durezza dell’acqua. Al giorno d’oggi, la maggior parte delle macchine da caffè offrono la possibilità di testare questo aspetto ed eventualmente di installare un filtro per l’acqua. Se nella zona dove vivete l’acqua è particolarmente dura, un filtro può migliorare il gusto del caffè e dovrete fare meno spesso la decalcificazione. Se al contrario avete già un sistema di filtraggio, o l’acqua che usate non è dura, potrete farne tranquillamente a meno.

Pulsanti e comandi

Le machine da caffè offrono più o meno pulsanti ed opzioni, ma se questi sono difficili da usare vi garantiamo che vi faranno passare la voglia di farvi il caffè. Sebbene il display sia molto utile, un pannello con dei pulsanti intuitivi funzionerà altrettanto bene; inoltre, le macchine senza display sono più economiche. Lo stesso vale per le app: i modelli di fascia alta offrono la propria app, ma solo alcune di queste aggiungono dei benefici significativi alla macchina stessa. Se vi piace l’idea di ordinare il caffè dal telefono, la Melitta Barista TS Smart surclassa i concorrenti da questo punto di vista.

Regolazioni

Ora che sapete quali sono gli aspetti che definiscono una buona macchina da caffè, impariamo come sfruttarla al meglio. Non vale la pena pagare per un modello altamente sofisticato e costoso a meno che non siate disposti a dedicare del tempo per esplorare le sue caratteristiche. Sebbene la maggior parte delle macchine da caffè sia intuitiva da usare, vi sono alcuni consigli che vi aiuteranno a ottenere un caffè che soddisferà davvero tutti i sensi.

Macinacaffè

Come spiegato in precedenza, dovreste sempre acquistare una macchina da caffè con macinatura regolabile. Alcuni chicchi richiedono una macinazione fine, mentre altri possono essere lasciati più grossolani. In ogni caso, vi sveliamo come raggiungere la perfezione.

La macinatura è solitamente classificata in base a dei numeri: più piccolo è il numero e più sottile sarà la macinatura. Le prime volte è sempre meglio utilizzare una macinatura fine. Fate attenzione, perché molte macchine nuove sono impostate sull’opzione più grossolana; altre invece possono cambiare solamente un livello alla volta. In generale, una macinatura più fine dona all’espresso aromi più ricchi di sfumature, mentre una macinatura grossolana funziona bene per bevande che richiedono un processo di infusione lento.

Tenete presente che c’è anche bisogno di una pressione maggiore per ottenere una macinatura più fine e non tutte le macchine da caffè ci riescono. Se l’acqua penetra nei chicchi troppo lentamente il caffè avrà un sapore più amaro e sgradevole. In questo caso, selezionate un livello di macinatura più alto e ripetete il processo. Al contrario, se il vostro caffè sembra troppo leggero il motivo potrebbe essere la macinatura troppo grossolana e dovrete impostare un livello più basso.

Quantità di caffè

In generale, più caffè viene utilizzato e più forte sarà la vostra bevanda. Proprio come nella moka, anche qui la quantità di caffè pressato influisce notevolmente sulla velocità di estrazione. Di conseguenza, dovrete trovare il giusto compromesso tra finezza di macinazione e quantità massima di caffè che la vostra macchina può gestire. Se il caffè ha un colore fangoso e il gusto è troppo amaro, provate a utilizzare una quantità di polvere minore. Fate attenzione a come cambia il sapore e, una volta trovata la giusta combinazione, salvatela nelle impostazioni per le prossime volte.

Quantità di acqua e latte

La quantità dell’acqua (e del latte, se la ricetta lo prevede), ha molto a che fare con le preferenze personali. Potreste provare le impostazioni di fabbrica per i vostri drink preferiti, ma vi consigliamo di verificare prima i dosaggi. Molte macchine hanno un “espresso” preimpostato che corrisponde ad un volume di 30, 40 o addirittura 50 ml (invece dei classici 25 ml del bar). Pertanto, il caffè ottenuto potrebbe anche essere gradevole, ma non avrà certo il sapore dell’espresso. Potrete divertirvi a rifare le ricette classiche oppure crearne di vostre. Ricordatevi solamente di non strafare con gli assaggi: si tratta pur sempre di caffeina!

Temperatura

Il processo di preparazione dell’espresso prevede che l’acqua abbia una temperatura leggermente superiore a 90° C. A temperature più basse il processo di estrazione non sarà efficace, mentre a temperature alte (100° C o oltre) i chicchi si bruceranno e il caffè avrà un sapore amaro. Solo le macchine da caffè di fascia alta possono controllare la temperatura e consentirne la regolazione. Esiste un intervallo ideale per quanto riguarda la temperatura d’infusione: più questa è alta, più i chicchi rischiano di bruciare e avranno un sapore amaro. Regolare la temperatura semplicemente di un paio di gradi può fare una gran differenza sul sapore del vostro caffè.

Anche la temperatura del latte conta: quando il sistema per fare la schiuma è integrato, le opzioni di regolazione sono solitamente piuttosto limitate. Se preferite che la schiuma sia calda, scegliete una macchina con pannarello, che è in grado di scaldare il latte attraverso il vapore. Ricordate però che troppo non significa necessariamente meglio: se scaldate il latte oltre i 65° C, avrà un sapore sgradevole e potrebbe rovinare il vostro caffè. 55° C è considerata la temperatura ideale per il latte del cappuccino.

Infine, non dimentichiamoci che anche il caffè ha una temperatura ideale: per l’espresso questa si aggira sui 67° C. Se la tazza è fredda, il vostro caffè potrebbe essere poco piacevole da bere e, per questo motivo, un vassoio in grado di riscaldare tazze e tazzine è un extra interessante, soprattutto nelle macchine di fascia alta.

Conclusioni

Scegliere una macchina da caffè è tanto complicato quanto la preparazione della bevanda stessa. Nonostante vi siano degli standard di qualità, le vostre preferenze e gusti non sono meno importanti. Per questo motivo, abbiamo incluso modelli che possono soddisfare tutte le esigenze. Non importa se cercate la massima praticità, il miglior rapporto qualità-prezzo oppure la macchina in grado di fare l’espresso più aromatico o il cappuccino più cremoso: questo articolo dovrebbe fornirvi tutte le risposte. Se invece cercate una macchina capace di fare tutto, sia facile da usare e da pulire, Melitta Barista TS Smart vi stupirà, proprio come ha fatto con centinaia di altri utenti e appassionati di caffè.

Clicca per votare questo post!
Totale: 0 Media: 0
Back to top button