ottimiprodotti.it dedica molte ore alla ricerca e ai test per aiutarti a trovare i prodotti migliori da acquistare. Ogni prodotto viene selezionato in maniera indipendente dal nostro team. Se acquisti qualcosa tramite i link dei nostri contenuti, possiamo guadagnare una piccola commissione.

I migliori umidificatori del 2021

L’invenzione dei termosifoni ha portato molti comfort nelle nostre vite, ma l’aria secca non è certo tra questi. Se siete stufi di pelle secca, labbra screpolate e di sentirvi soffocati, tutto ciò di cui avete bisogno è un umidificatore adeguato. Fortunatamente, siete nel posto giusto per trovarne uno!

Per questo articolo abbiamo confrontato più di 170 modelli di umidificatori di oltre 40 produttori. Abbiamo esaminato il serbatoio dell’acqua e la capacità di produrre vapore, il consumo e i livelli di rumorosità. Abbiamo anche preso in considerazione le opinioni di esperti e utenti in merito alle funzionalità offerte, alla facilità d’uso, al design e al rapporto qualità-prezzo complessivo.

Ad essere sinceri, aumentare l’umidità dell’aria del 40-50% non è così difficile. In molti casi, anche metodi semplici come appoggiare asciugamani umidi sui termosifoni o lo sfruttare un bollitore elettrico andranno bene (sì, ci abbiamo provato). La differenza è che un umidificatore può ottenere lo stesso risultato con più classe e meno sforzo. Per giustificare l’investimento, un buon modello dovrà essere sicuro e silenzioso durante il funzionamento, semplice da controllare e regolare, nonché facile da pulire e riempire. Inoltre, anche l’occhio vuole la sua parte.

Tenendo presenti queste considerazioni, abbiamo selezionato cinque modelli finalisti per esigenze e budget diversi. Che abbiate bisogno di un modello di fascia alta o più basic, troverete sicuramente il vostro umidificatore in questo articolo. E per saperne di più sulle differenze tra le varie tipologie e sulla loro corretta manutenzione, più in basso troverete la nostra dettagliata guida all’acquisto.

Levoit LV600HH

Levoit LV600HH
Il migliore in assoluto

Pro

  • Combina due tecnologie di umidificazione
  • Design elegante con erogatore regolabile
  • Molto silenzioso
  • Serbatoio con capacità elevata
  • Dispone di un telecomando
  • Permette l’utilizzo di oli essenziali
  • Prezzo conveniente

Contro

  • Elevato consumo energetico per la produzione di vapore caldo
  • Può produrre una patina bianca se si usa acqua dura
  • La pulizia della base è un po’ difficile

Recensione

Se desiderate un umidificatore altamente versatile in grado di produrre vapore sia freddo che caldo, Levoit LV600HH non ha rivali. Nei test si è dimostrato puntualmente tra i modelli più efficienti, in grado di umidificare anche ambienti di grandi dimensioni con aria molto secca. Inoltre, è più facile da pulire rispetto alla maggior parte degli umidificatori ed è dotato di un umidostato di alta precisione, che offre persino il controllo remoto.

Il Levoit LV600HH ha un serbatoio dell’acqua impressionante, e con i suoi quasi 6 litri è in grado di durare da 20 a 36 ore. Ciò significa che le ricariche saranno necessarie meno spesso. Quando arriverà il momento della ricarica, l’LV600HH sarà più facile da maneggiare rispetto ad altri modelli delle sue dimensioni, poiché l’apertura può essere comodamente posizionata sotto un rubinetto. Inoltre, consente una portata sufficiente per pulire tutti gli angoli se viene utilizzata la spazzola inclusa. Il display nella parte anteriore è illuminato e ha un colore azzurro. Inoltre, ci è piaciuto che si possa spegnere completamente per garantire un sonno tranquillo.

L’LV600HH utilizza la nebulizzazione e il riscaldamento a ultrasuoni. Funziona dunque in modo molto silenzioso, il che lo rende perfetto per l’uso in camera da letto. C’è anche un timer da 12 ore, tre impostazioni di intensità del vapore e addirittura anche una scatola di aromi per diffondere gli oli essenziali. Nei test, l’igrostato di Levoit si è dimostrato più preciso di altri modelli concorrenti. Levoit consente infatti di impostare il livello di umidità desiderato dal 40% all’80%, o di utilizzare la modalità Auto per mantenerlo tra il 55% e il 65%. L’erogatore ruota di 360 gradi ed è possibile posizionarlo nella direzione desiderata evitando, ad esempio, di bagnare le pareti o i mobili. Tutte le opzioni di controllo sono disponibili anche sul telecomando Levoit, che funziona fino a una distanza di 5 metri.

Come accennato in precedenza, la pulizia dell’LV600HH è relativamente semplice rispetto ad altri modelli ad ultrasuoni. Dovrete risciacquare la vaschetta e la base ogni settimana (l’aceto può essere usato per rimuovere i depositi di calcare). Il serbatoio dell’acqua in sé non pone particolari sfide, ma la base ha abbastanza pieghe e spazi vuoti da rendere il processo un po’ noioso. Il pennello incluso aiuta fino ad un certo punto, e un design più semplice sarebbe preferibile. Dovrete anche risciacquare il passaggio del vapore e il tubo, nonché i tamponi che assorbono gli aromi.

Per quanto riguarda altri punti deboli, il più significativo è l’elevato consumo energetico. Il vapore caldo aiuta ad igienizzare gli ambienti e può avere molti benefici quando si ha il raffreddore, ma la potenza di 280 W farà aumentare le bollette se si utilizza spesso l’umidificatore con la sua impostazione massima. Un altro problema comune è che l’LV600HH può creare una patina bianca (a causa del contenuto di minerali nell’acqua) e formare una pozza sottostante, ma questi sono gli svantaggi comuni a molti umidificatori a ultrasuoni. Se vivete in ​​una zona con acqua particolarmente dura, è meglio usare acqua distillata per l’umidificatore, poiché la patina bianca può essere difficile da pulire e non è salutare da respirare.

Nonostante questi aspetti, Levoit LV600HH affronta i problemi della pulizia e dell’acqua dura molto meglio di altri umidificatori ad ultrasuoni e la sua efficienza di umidificazione lascia la maggior parte dei concorrenti molto indietro. Per ultimo, ma non meno importante, il suo prezzo è molto accessibile, soprattutto considerando le prestazioni e le funzionalità offerte.

Specifiche

  • Superficie massima di copertura : 70 m2
  • Tasso di umidificazione  : 300 ml/h (vapore freddo); 500 ml/h (vapore caldo)
  • Consumo massimo: 280 W
  • Capacità del contenitore d’acqua: 5,6 l
  • Rumorosità massima: 38 dB
  • Dimensioni (A x L x P): 26 x 18 x 27 cm
  • Peso : 2,8 kg

 

Controlla il prezzo


Venta LW25 Comfort Plus

Venta LW25 Comfort Plus
Il miglior umidificatore di fascia alta

Pro

  • Prestazioni di umidificazione potenti
  • Molto facile da pulire e nella manutenzione
  • Ricarica semplice
  • Livelli di rumorosità e consumi molto bassi
  • Igrostato con opzioni per impostare il livello di umidità desiderato
  • Non rilascia patina bianca e macchie di umidità
  • Rimuove le particelle di polvere di grandi dimensioni dall’aria
  • Il display può essere oscurato di notte
  • Permette l’utilizzo di oli essenziali

Contro

  • Molto costoso
  • Richiede l’acquisto dell’additivo e del detergente Venta
  • La funzione di purificazione dell’aria ha un’efficacia limitata sulle piccole particelle
  • Design poco elegante

Recensione

Se non vi dispiace fare una piccola pazzia per risolvere i problemi di umidità, il Venta LW25 è impressionante su tutti i fronti. Le sue eccezionali prestazioni di umidificazione, i bassi requisiti di manutenzione e la qualità del design gli sono valsi molti elogi, sia da parte degli utenti che degli esperti. Venta non solo aggiunge umidità all’aria, ma rimuove anche le particelle di polvere più grandi, rendendo questo dispositivo una soluzione 2 in 1.

Il Venta utilizza una tecnologia chiamata air washing e non produce la patina bianca. La ventola soffia l’aria su due dischi che ruotano lentamente. Questo, insieme all’additivo per l’acqua di Venta, aumenta la superficie bagnata e accelera l’evaporazione. Anche se non vedrete uscire nuvole di vapore non preoccupatevi: l’LW25 è stato costantemente tra i modelli più efficienti nei test e ci sono innumerevoli utenti che testimoniano che la qualità dell’aria nelle loro case è migliorata molto. C’è anche un’opzione per aggiungere fragranze: Venta offre attualmente 6 aromi realizzati con oli essenziali di alta qualità.

Inoltre, questo umidificatore è molto economico. Anche nella sua impostazione più alta il consumo è di soli 8 watt. I livelli di rumorosità sono quasi impercettibili nella modalità più bassa e il rumore bianco sulle velocità più elevate non vi disturberà, anzi diversi utenti l’hanno descritto come piacevole. L’LW25 ha anche un pannello di controllo nella parte superiore che consente di selezionare la modalità di funzionamento e la percentuale di umidità desiderata. Una spia luminosa segnalerà quando il serbatoio dell’acqua deve essere riempito. Il display può essere completamente oscurato, il che rende l’LW25 uno dei migliori deumidificatori per la camera da letto.

Ma il più grande vantaggio di Venta sono i suoi requisiti di manutenzione ragionevoli. Se si utilizza l’additivo per l’igiene (una piccola bottiglia è inclusa), sarà sufficiente sciacquare il serbatoio dell’acqua e i dischi solo una volta ogni 2 settimane. Questo perché l’agente è formulato per prevenire l’accumulo di calcare, uccidere i batteri e migliorare l’evaporazione dell’acqua. Ogni sei mesi, dovrete invece eseguire un lavaggio più accurato con il detergente Venta. Anche se l’ampio serbatoio da 7 litri può durare diversi giorni, la cosa migliore è aggiungere un po’ d’acqua ogni giorno, poiché il processo di evaporazione è più efficace quando il serbatoio è pieno. Nel complesso, prendersi cura di Venta è incredibilmente facile e richiede meno sforzi rispetto ad altri umidificatori sul mercato.

Non ci sono molti aspetti negativi di questo modello a parte il suo prezzo, anche se i costi a lungo termine sono in qualche modo compensati a causa del basso consumo. Per garantire prestazioni ottimali, dovrete acquistare l’additivo per l’acqua e il detergente, il che si aggiungerà alle spese. Alcuni produttori tendono a vendere detergenti non necessari, ma non è questo il caso. Diversi utenti hanno sperimentato altri metodi e ammettono che l’utilizzo dei detergenti Venta garantisce la migliore igiene ed efficacia. Anche il fatto che l’additivo per l’acqua contenga un tensioattivo cationico può essere scoraggiante per alcune persone. Tuttavia, l’additivo non evapora, è biodegradabile ed è stato ampiamente testato per confermarne la sicurezza.

Infine, questo prodotto è talvolta pubblicizzato anche come purificatore d’aria, in quanto può rimuovere efficacemente particelle di 10 micron e oltre. Tuttavia, l’efficacia di purificazione è risultata essere mediocre nei test e proprio le particelle più piccole (come 2,5 micron) sono gli inquinanti più pericolosi. In altre parole, l’LW25 può migliorare la qualità dell’aria fino ad un certo punto, ma non aspettatevi che sostituisca un purificatore d’aria dotato di filtri HEPA adeguati.

Non siamo entusiasti delle capacità di rimozione della polvere di Venta o del suo prezzo, ma tutto il resto è indiscutibilmente ingegnoso. Se il costo non è un problema, l’LW25 combina un’eccellente potenza di umidificazione, una manutenzione minima, consumi ridotti e un funzionamento discreto.

Specifiche

  • Superficie massima di copertura : 40 m2
  • Tasso di umidificazione : Non specificato
  • Consumo massimo: 8 W
  • Capacità del contenitore d’acqua: 7 l
  • Rumorosità massima: 44 dB
  • Dimensioni (A x L x P): 30 x 30 x 33 cm
  • Peso : 3,8 kg

 

Controlla il prezzo


Taotronics TT-AH001

Taotronics TT-AH001
Il modello col miglior rapporto qualità-prezzo

Pro

  • Molto conveniente
  • Prestazioni potenti
  • Il display può essere spento di notte
  • Molto silenzioso
  • Buona capacità del serbatoio dell’acqua
  • L’igrostato permette di impostare il livello di umidità desiderato

Contro

  • Il riempimento e la pulizia potrebbero essere più semplici
  • Chi l’ha usato a lungo segnala perdite e aumento della rumorosità

Recensione

Se avete bisogno di un umidificatore economico ma potente, Taotronics TT-AH001 è la scelta migliore. La sua superficie massima di copertura è di 30 m2, ma nei test si è dimostrato potente ed efficiente come il nostro primo classificato. Il TT-AH001 vanta anche un design accattivante per il suo prezzo e il suo display può essere completamente spento di notte per garantire sonni tranquilli.

Il TT-AH001 ha un serbatoio da 4 litri che dura da 12 a 30 ore prima che sia necessaria una ricarica. Questo modello utilizza la nebulizzazione ad ultrasuoni e produce vapore freddo. È possibile scegliere una delle tre impostazioni di intensità, mentre l’umidità desiderata può essere impostata dal 30% al 95% e il timer può essere regolato da 1 a 24 ore. Grazie all’accurato umidostato, il TT-AH001 può mantenere automaticamente il livello di umidità dell’aria desiderato. Questo modello include anche un filtro (che deve essere cambiato ogni 4-6 mesi); tuttavia, consigliamo di utilizzare acqua distillata se l’acqua della vostra zona è particolarmente dura. Analogamente alla nostra prima scelta, l’erogatore di vapore può essere ruotato di 360 gradi. È bene notare che la presa d’aria è situata sulla base, dunque questo modello non potrà essere collocato su un tappeto o simili, perché le superfici morbide potrebbero bloccare il flusso d’aria.

Il TT-AH001 può facilmente competere con modelli più costosi per quanto riguarda le prestazioni di umidificazione, ma non si può dire lo stesso per quanto riguarda la manutenzione. Il processo di pulizia è simile al Levoit LV600HH: dovrete sciacquare accuratamente il serbatoio, la base e l’atomizzatore ogni settimana. Potrete usare l’aceto per eliminare il calcare o la candeggina per la disinfezione (ma non entrambi contemporaneamente). Tuttavia, il design di Taotronics è meno elegante e ci sono molti punti difficili da raggiungere, anche se si utilizza il pennello incluso.

Anche il riempimento potrebbe essere leggermente più conveniente, dato che quando si rimuove il serbatoio è necessario capovolgerlo. Poiché alla base rimane sempre dell’acqua, è difficile eseguire l’operazione senza fuoriuscite. L’apertura del serbatoio potrebbe anche essere un po’ più ampia (questo faciliterebbe sia la pulizia che le ricariche), ma la maggior parte degli utenti può comunque inserirlo sotto il rubinetto senza troppe difficoltà. Per quanto riguarda gli utenti che l’hanno usato più a lungo, alcuni hanno riscontrato che il dispositivo inizia a creare piccole pozze d’acqua e la ventola si fa più rumorosa col passare del tempo. Sebbene relativamente pochi utenti abbiano segnalato questi problemi e la maggior parte sia soddisfatta delle prestazioni di TT-AH001, vale la pena tenerli a mente, poiché sono comuni tra gli umidificatori a ultrasuoni (in particolare tra i modelli più economici).

Sebbene alcuni degli aspetti di TT-AH001 potrebbero certamente essere migliorati, si tratta di un modello potente venduto a un prezzo molto interessante. In quanto umidificatore economico, non include extra come un diffusore di oli essenziali o un telecomando, ma ha un’eccellente gamma di funzionalità che coprono tutte le esigenze di base. Per coloro a cui non importa usare un po’ di olio di gomito durante la pulizia, il TT-AH0 è un’ottima opzione economica.

Specifiche

  • Superficie massima di copertura : 30 m2
  • Tasso di umidificazione : 300 ml/h
  • Consumo massimo: 30 W
  • Capacità del contenitore d’acqua: 4 l
  • Rumorosità massima: 38 dB
  • Dimensioni (A x L x P): 30 x 20,5 x 13,5 cm
  • Peso : 1,6 kg

 

Controlla il prezzo


Philips HU4813

Philips HU4813
Il miglior umidificatore evaporativo

Pro

  • Design compatto e moderno
  • Molto facile da pulire
  • Semplice da ricaricare
  • Funzionamento relativamente silenzioso
  • Igrostato con opzioni per impostare il livello di umidità desiderato
  • Non rilascia polvere bianca e macchie di umido

Contro

  • Costoso
  • Non abbastanza potente per aree grandi e/o aria molto secca
  • Non è possibile spegnere completamente il display di notte
  • Capacità del serbatoio dell’acqua ridotta

Recensione

Il Philips HU4813 potrebbe non essere l’umidificatore più potente in circolazione, ma è stato valutato molto positivamente in diversi test indipendenti grazie alla sua facilità di utilizzo e alla manutenzione estremamente semplice. A differenza di molti modelli concorrenti, non rilascia macchie di umido o particelle di polvere bianca e la modalità Sleep permette di utilizzarlo anche in camera da letto.

Questo umidificatore compatto cattura immediatamente l’attenzione grazie al suo design elegante e minimalista. Ma l’HU4813 è tanto bello quanto funzionale: l’accesso a tutte le sue funzionalità è molto intuitivo. È possibile impostare il livello di umidità relativa al 40%, 50% o 60% e scegliere una delle tre velocità della ventola. Il display azzurro è facile da leggere, mentre un indicatore rosso si accende quando il serbatoio dell’acqua è vuoto.

È possibile utilizzare il timer e impostare lo spegnimento del dispositivo dopo 1, 4 o 8 ore. In alternativa, la modalità Auto accende e spegne la ventola per mantenere il livello di umidità preferito e la modalità Notte attenua la luminosità del display e riduce al minimo il rumore. Philips va molto fiera della sua tecnologia NanoCloud; tuttavia, gli umidificatori evaporativi non sono una novità. L’HU4813 utilizza un filtro poroso modellato (simile a un nido d’ape) che assorbe l’acqua e crea un’ampia superficie per facilitare l’evaporazione, mentre la ventola sopra il filtro genera un flusso d’aria per distribuire l’umidità all’interno della stanza. Le gocce d’acqua ottenute sono minuscole e trasportano meno batteri rispetto agli umidificatori a ultrasuoni. Un altro vantaggio è che non rimangono macchie di umidità o polvere minerale sui pavimenti o sui mobili.

Se la tecnologia NanoCloud da sola potrebbe non essere sufficiente per farvi innamorare dell’HU4813, la sua manutenzione semplificata farà pendere la bilancia in suo favore. Il riempimento è facile e non ci sono perdite grazie all’ampia apertura superiore e anche il lavaggio del serbatoio dell’acqua è piuttosto semplice. Questo, infatti, ha una forma arrotondata senza angoli o spazi di difficile accesso: vi basterà sciacquare il serbatoio con acqua tiepida una volta alla settimana e il gioco è fatto. Il filtro va immerso in acqua pulita per un’ora e poi risciacquato e deve essere cambiato solo 1-4 volte all’anno. Nessun altro umidificatore in questa fascia di prezzo offre una manutenzione così semplice.

Per quanto riguarda i punti deboli, l’HU4813 non è l’umidificatore più potente a causa della sua tecnologia di evaporazione e i serbatoi da 2 litri richiedono ricariche giornaliere. Sebbene le specifiche tecniche riportino che questo modello sia adatto per aree fino a 44 m2, la maggior parte degli utenti ammette che il proprio Philips funziona meglio in stanze due volte più piccole. Inoltre, è bene tenere presente che l’HU4813 non è in grado di trasformare i livelli di umidità da molto bassi a molto alti.

Gli utenti segnalano che aggiunge circa il 10% di umidità, che è sufficiente per raggiungere il 40-50% ottimale nella maggior parte delle stanze. Se preferite un’umidità dell’aria più elevata o se l’aria è molto secca, abbiamo esaminato alcuni modelli più potenti nella nostra classifica. Chi ha problemi con il sonno potrebbe anche trovare fastidioso il display blu, anche quando questo è oscurato, ma coprendo la macchina con un asciugamano si può rimediare. Infine, anche se i livelli di rumorosità sono bassi, la ventola produce un ronzio che alcune persone possono trovare sgradevole.

Nonostante i suoi punti deboli, il Philips HU4813 è una scelta perfetta per gli utenti che devono solo aumentare il livello di comfort in una stanza. Il suo design ricercato facilità l’uso anche per i più pigri di noi, e le sue prestazioni assicurano che l’umidità non rovini i mobili. Questa è l’opzione migliore se state cercando un umidificatore senza problemi, compatto e dal prezzo ragionevole.

Specifiche

  • Superficie massima di copertura : 44 m2
  • Tasso di umidificazione : 300 ml/h
  • Consumo massimo: 25 W
  • Capacità del contenitore d’acqua: 2 l
  • Rumorosità massima: 34 dB
  • Dimensioni (A x L x P): 33,9 x 24,9 x 24,9 cm
  • Peso : 3,09 kg

 

Controlla il prezzo


Xiaomi SmartMi

Xiaomi SmartMi
Il miglior umidificatore smart

Pro

  • App con opzioni per controllare il livello di umidità, i suoni e la luce desiderati
  • Buona capacità del serbatoio dell’acqua
  • Ricarica semplice da effettuare
  • Relativamente silenzioso
  • Non lascia polvere bianca e macchie umide
  • Consumi molto basso
  • Facile da pulire

Contro

  • Costoso
  • Non abbastanza potente per stanze grandi e/o molto secche
  • L’igrometro non è preciso a causa del suo posizionamento

Recensione

Per coloro che preferiscono controllare l’umidità dell’ambiente domestico da remoto, l’umidificatore evaporativo Xiaomi SmartMi è un’ottima opzione. Questo dispositivo compatto vanta una discreta potenza di umidificazione pur rimanendo semplice da usare e da pulire. Il suo design bianco e minimalista si adatterà bene alla maggior parte degli interni e l’app Xiaomi Home consente un controllo accurato dei livelli di umidità e delle modalità operative.

Lo SmartMi ha una console semplice che consente di accendere e spegnere il dispositivo e di passare agilmente tra le sue tre modalità di intensità. Sebbene la Xiaomi descriva questo modello come “evaporativo”, il suo funzionamento è più simile agli umidificatori a girante. All’interno, infatti, c’è un set di 36 dischi a rotazione lenta che aumentano la superficie bagnata e l’evaporazione mentre la ventola disperde l’umidità nell’aria. Indipendentemente da come viene chiamata questa tecnologia, il vantaggio è che potrete usare anche acqua dura, poiché impurità e minerali non verranno rilasciati nell’aria.

È possibile accoppiare questo umidificatore con Amazon Alexa, ma il controllo vocale consente solamente di accenderlo e spegnerlo. Per sfruttare la maggior parte delle funzionalità da remoto, dovrete usare l’app Xiaomi Home, grazie alla quale potrete controllare l’attuale livello di umidità dell’aria e impostare quello desiderato. È anche possibile impostare il timer, attivare o disattivare i segnali acustici e regolare la luminosità della spia. L’app mostra anche quanta acqua è rimasta nel serbatoio e consente di bloccare i controlli sul dispositivo stesso, il che è utile se avete bambini in casa.

Riempire il serbatoio da 4,0 litri di Xiaomi è semplicissimo, poiché dovrete versare l’acqua direttamente nel dispositivo. Un segnale acustico informa quando il serbatoio è pieno e dunque non vi è alcun rischio di allagamenti accidentali. Se preferite, potrete anche rimuovere la parte superiore e riempire il serbatoio sotto un rubinetto. Una ricarica dura fino a 24 ore e questo umidificatore ha una speciale modalità Air Dry che, se attivata, garantisce l’utilizzo di tutta l’acqua contenuta nel serbatoio e previene il rischio di formazione di odori di acqua stantia. Non abbiamo trovato questa funzione essenziale (potrete semplicemente cambiare l’acqua regolarmente), ma alcune persone potrebbero apprezzarla.

La pulizia dello SmartMi è più facile rispetto ai suoi concorrenti ad ultrasuoni. Ogni settimana la vasca e il set di dischi dovranno essere lavati con acqua e dovreste effettuare una pulizia più approfondita dopo qualche mese. Per quanto riguarda i dischi, questi possono essere estratti e ciascuno può essere pulito separatamente. Tuttavia, è bene tenere presente che questo modello non è potente come gli umidificatori ad ultrasuoni ed è più adatto per stanze di piccole e medie dimensioni.

Venendo ai punti deboli, l’igrometro si trova in prossimità delle bocchette che rilasciano l’umidità, quindi le letture possono essere imprecise. La maggior parte degli umidificatori è alquanto carente per questo motivo, ma Xiaomi può visualizzare valori anche con uno scarto del 10%. Usarlo insieme a un igrometro acquistato separatamente potrebbe essere la migliore soluzione. Un’altra cosa da sottolineare è che questo modello è spesso pubblicizzato come molto silenzioso con livelli di rumorosità di 34 dB. Questo è in effetti il suono che produce con l’impostazione più bassa, ma se si utilizza una velocità maggiore, il rumore aumenterà ben oltre i 40 dB. Tuttavia, il livello più basso è adatto per l’uso in camera da letto e la ventola produrrà un ronzio che la maggior parte delle persone non trova fastidioso.

Sebbene questo modello non sia il più potente della nostra lista, offre una gamma di funzionalità impressionanti per il suo prezzo. L’app Xiaomi Home è comoda e intuitiva, mentre le ricariche e le attività di manutenzione sono facili da eseguire. Se avete bisogno di un umidificatore affidabile con un tocco smart, questo modello fa al caso vostro.

Specifiche

  • Superficie massima di copertura : 36 m2
  • Tasso di umidificazione : 240 ml/h
  • Consumo massimo: 8 W
  • Capacità del contenitore d’acqua: 4 l
  • Rumorosità massima: 47 dB
  • Dimensioni (A x L x P): 36,3 x 24 x 24 cm
  • Peso : 4,03 kg

Controlla il prezzo


Guida all’acquisto di un umidificatore

umidificatore de aria

In inverno, è normale che i livelli di umidità dell’aria siano molto scarsi a causa del riscaldamento. Gli umidificatori sono il modo più semplice per rimediare, poiché reimmettono nell’aria l’umidità persa, producendo vapore. I migliori consentono anche di mantenere gli esatti livelli di umidità scelti dall’utente.

Tuttavia, se utilizzati in modo errato, questi dispositivi apparentemente semplici possono creare problemi. Se viene aggiunta troppa umidità, infatti, muffe e batteri prospereranno. Lo stesso accadrà all’interno del vostro umidificatore se non effettuerete una manutenzione corretta. Ci sono anche ulteriori preoccupazioni riguardanti la sicurezza, i livelli di rumorosità, il consumo e i costi in bolletta.

Questa guida si occupa di tutto ciò che c’è da sapere per acquistare il miglior umidificatore per le vostre esigenze. Spiegheremo quali sono i livelli di umidità ottimali, i punti di forza e i punti deboli dei diversi tipi di umidificatori e come prendersi cura di questi apparecchi in modo appropriato.

Qual è l’umidità interna ottimale?

Le opinioni sui livelli di umidità interna ottimali differiscono leggermente, anche tra fonti attendibili e tra gli esperti. Se fate qualche ricerca, vi accorgerete che i consigli sull’umidità relativa ottimale parlano di una percentuale tra il 30% e il 60%. L’umidità relativa è la quantità di vapore acqueo presente nell’aria come percentuale della quantità totale che potrebbe essere mantenuta alla sua temperatura attuale.

La maggior parte delle persone si sente meglio quando i livelli di umidità relativa sono del 40-50%. Tuttavia, le preferenze individuali sono variabili ed è normale preferire un’aria leggermente più secca in inverno che in estate. Ci sono anche altri fattori da tenere a mente, come la temperatura interna e la ventilazione. Tuttavia, sicuramente non vi farà piacere vedere la condensa sulle finestre, che di solito appare quando i livelli di umidità superano il 55-60%. È a questo punto che i batteri, gli acari della polvere e la muffa iniziano a prosperare e potreste effettivamente aver bisogno di un deumidificatore. D’altra parte, non vorrete certo che l’umidità relativa scenda al di sotto del 30%, percentuale sufficiente a far seccare la pelle e creare problemi respiratori.

Se avvertite prurito o fastidio alla pelle, alle labbra, agli occhi o alla gola, probabilmente l’aria è troppo secca. Il modo più semplice per verificarlo con certezza è attraverso un igrometro. Anche se il modello di umidificatore che intendete acquistare ne ha uno, in genere non è preciso al 100% poiché l’umidità vicino alla macchina stessa tende ad essere più alta che nel resto della stanza. Per ottenere informazioni più precise sul clima interno, potete anche prendere in considerazione una stazione meteorologica. Queste console misurano l’umidità e la temperatura interne (ed esterne) e, in alcuni casi, anche la qualità dell’aria.

Ho davvero bisogno di un deumidificatore?

L’aria secca può fare più danni che causare prurito o secchezza della pelle. Può aggravare le allergie, l’asma, le emorragie nasali, gli eczemi, le infezioni dei seni nasali e le emicranie correlate. Può anche contribuire a creare problemi legati al sonno. Con un umidificatore non sarete gli unici a sentirvi meglio. Un umidificatore nella stanza dei bimbi può aiutare i vostri figli a respirare più facilmente (soprattutto se hanno il raffreddore) e mantenere la pelle alla giusta umidità.

L’aria secca può anche deformare i mobili e i pavimenti in legno o causare il distacco della carta da parati. L’elettricità statica potrebbe aumentare, provocando spiacevoli scosse e, in casi estremi, persino danneggiare i dispositivi elettrici. Se possedete strumenti musicali e/o dipinti, anche questi possono soffrire.

Sembra orribile, vero? la buona notizia è che i moderni umidificatori fanno miracoli per case di ogni tipologia e dimensione. Che abbiate bisogno di aumentare i livelli di umidità in camera da letto, nel salone, nell’ufficio, nell’intera casa o nella stanza dei bimbi, c’è una soluzione.

Tipologie di umidificatori

Prima di ogni altra cosa, dovreste conoscere le dimensioni dell’area che deve essere umidificata.

  • Oggigiorno gli umidificatori per la casa vengono spesso installati insieme ai sistemi di riscaldamento e ventilazione, che è il metodo più conveniente ed efficiente. Possono mantenere i livelli di umidità desiderati in tutta la casa e richiedono poca alimentazione e manutenzione. Ad ogni modo, se state leggendo questo articolo, è probabile che la vostra casa non abbia un sistema integrato del genere e non siate dell’umore giusto per intraprendere questo costoso processo di installazione.
  • Per la maggior parte di noi, gli umidificatori elettrici autonomi sono una soluzione più economica e conveniente. Questi modelli devono solo essere collegati ad una presa e possono essere collocati in qualsiasi stanza. Tuttavia, ci sono diverse tipologie che differiscono in modo significativo. A seconda della loro capacità, gli umidificatori domestici possono essere suddivisi in modelli da tavolo o da pavimento. Gli umidificatori da tavolo sono più piccoli, più leggeri e portatili, ma si adattano meglio ad ambienti contenuti (fino a 30 m2). Richiedono anche ricariche più frequenti a causa dei serbatoi d’acqua più piccoli. Per aree molto grandi, dovreste procurarvi un umidificatore da pavimento; i modelli più potenti possono affrontare superfici superiori a 100 m2. Queste macchine hanno serbatoi più grandi che devono essere riempiti meno spesso. Ma sono anche più voluminosi e alcuni potrebbero essere troppo pesanti da spostare quando sono pieni.

Tecnologie di umidificazione dell’aria

Il passo successivo è decidere se preferite un modello che emette vapore caldo o freddo.

Gli umidificatori con vapore caldo sono l’opzione più popolare. Essenzialmente, si tratta di bollitori: semplicemente utilizzano un elemento riscaldante per far bollire l’acqua e rilasciare il vapore nell’aria. Il più grande vantaggio degli umidificatori di questo tipo è che uccidono muffe o batteri che potrebbero trovarsi nel serbatoio dell’acqua. Di conseguenza, questa è l’opzione più igienica. Sono anche relativamente silenziosi (la maggior parte delle persone non trova fastidioso il gorgoglio dell’acqua che bolle) e possono essere utilizzati anche con acqua dura, poiché qualsiasi contenuto minerale verrà lasciato nel serbatoio piuttosto che nell’aria. Per quanto riguarda la pulizia, basta usare acqua e aceto e non è necessaria nessuna manutenzione complicata. Gli umidificatori a vapore caldo aumentano leggermente la temperatura della stanza, il che può essere molto vantaggioso se siete raffreddati e avete il naso chiuso.

Il più grande svantaggio degli umidificatori a nebbia calda è che sono pericolosi se ci sono bambini o animali domestici in casa. Esiste un rischio significativo di ustioni se il dispositivo viene ribaltato (alcuni produttori cercano di ridurre al minimo i rischi riscaldando l’acqua, invece di bollirla). Un altro svantaggio è che questo metodo di umidificazione è il meno efficiente dal punto di vista energetico. Alcune persone potrebbero obiettare che il rilascio di aria calda permette di abbassare il riscaldamento. Ma la verità è che il vostro sistema di riscaldamento è probabilmente più efficiente dal punto di vista energetico di un umidificatore di fascia media.

Gli umidificatori con vapore freddo vengono utilizzati più spesso. Aumentano l’umidità dell’aria allo stesso modo dei modelli precedenti, ma sono più sicuri ed economici. A seconda della tecnologia utilizzata, i potenziali svantaggi possono comportare una maggiore proliferazione di batteri e muffe, più rumore e maggiore manutenzione. Esistono tre tipologie principali di umidificatori a nebbia fredda: umidificatori evaporativi, ad ultrasuoni e a girante.

Gli umidificatori evaporativi utilizzano un ventilatore per soffiare aria su un filtro a stoppino. Lo stoppino assorbe l’acqua da un serbatoio ricaricabile e nel momento del passaggio dell’aria avviene l’evaporazione. Gli umidificatori evaporativi con vapore freddo sono sicuri (non viene utilizzato alcun elemento riscaldante) e abbastanza igienici poiché eventuali minerali o impurità presenti nell’acqua rimarranno all’interno del serbatoio. Ciò significa che è possibile utilizzarli anche con acqua dura. Tuttavia, dovrete pulire regolarmente il serbatoio e il filtro a stoppino (per prevenire la formazione di muffe e batteri) e sostituire il filtro ogni tot mesi. Molti modelli evaporativi hanno il riempimento dall’alto. Questo significa che potrete comodamente togliere la parte superiore e riempirli con una brocca d’acqua, senza dover trasportare pesanti serbatoi di acqua in giro per casa.

umidificatore evaporativa

Gli svantaggi sono che il vapore potrebbe non essere sufficiente per stanze grandi o con aria molto secca. Se preferite un’umidità maggiore (oltre il 50% di umidità relativa), ancora una volta, un modello evaporativo farà fatica poiché l’evaporazione diventa più lenta quando l’aria è già umida. Il lato positivo è che questa tecnologia non produrrà vapore in eccesso per errore. Infine, il rumore della ventola può risultare sgradevole per i soggetti particolarmente sensibili, ma questo aspetto dipenderà molto dal modello. Nel complesso, riteniamo che gli umidificatori evaporativi siano la scelta migliore per le stanze più piccole e quelle che non richiedono livelli di umidità molto elevati in partenza.

Gli umidificatori a ultrasuoni utilizzano vibrazioni ad alta frequenza create da un piccolo diaframma metallico (chiamato nebulizzatore) che spezza l’acqua in minuscole particelle. Un piccolo ventilatore disperderà quindi il vapore nella stanza, producendo una nebbia ben visibile. Poiché le onde ultrasoniche non possono essere ascoltate dall’orecchio umano e la ventola è molto piccola, questi sono considerati gli umidificatori più silenziosi. Un altro vantaggio è che sono abbastanza potenti da aumentare i livelli di umidità da molto bassi a molto alti e funzionano bene anche in stanze molto grandi. Sono anche sicuri per i bambini piccoli e di solito non hanno filtri.

Sfortunatamente, se sono presenti impurità o depositi minerali nell’acqua, l’umidificatore ad ultrasuoni li disperderà nell’aria. Se utilizzate acqua dura, questa produrrà una polvere bianca che si depositerà sui mobili e potrebbe peggiorare le vostre condizioni respiratorie se inalata. Molti modelli consentono l’uso di cartucce di demineralizzazione, ma queste potrebbero non risolvere il problema al 100%. Se notate la formazione di polvere bianca, il passaggio all’acqua distillata è spesso la soluzione più efficace.

Dovrete anche pulire regolarmente il serbatoio e il nebulizzatore per prevenire la crescita batterica, poiché i germi possono essere rilasciati anche nell’aria. Alcuni modelli utilizzano la luce UV o combinano insieme le tecnologie ad ultrasuoni e di vaporizzazione per migliorare la qualità dell’acqua.

Se riuscite ad aggirare il problema dell’acqua dura e ad impegnarvi per una pulizia regolare, i modelli a ultrasuoni sono eccellenti e versatili grazie al loro alto rendimento, basso consumo e silenziosità.

Gli umidificatori a girante producono vapore freddo rompendo le gocce d’acqua tramite un disco rotante. Sono relativamente silenziosi, senza filtri e i livelli di consumo sono bassi. Inoltre, non producono polvere bianca. Un sottotipo popolare di umidificatori a girante sono i purificatori d’aria. Questi utilizzano diversi dischi rotanti che aumentano la superficie dell’acqua e facilitano l’evaporazione mentre al tempo stesso intrappolano le particelle di polvere più grandi, “lavando” l’aria. Tuttavia, questi modelli tendono ad essere notevolmente più costosi. Inoltre, nessun depuratore d’aria può competere con purificatori con filtri HEPA adeguati.

Per quanto riguarda la produzione di vapore, i modelli a girante funzionano in modo simile (o leggermente migliore) rispetto ad altre tecnologie ma non possono competere con i modelli ad ultrasuoni. Potrete usare acqua dolce o dura ma siate pronti a pulire regolarmente il serbatoio.

Altre tipologie di umidificatori

Come probabilmente avrete notato, ci sono diverse tipologie di umidificatori.

  • Gli umidificatori a doppio vapore che combinano la tecnologia di produzione del vapore caldo con quella del vapore freddo (solitamente tramite vibrazioni ultrasoniche) sono molto popolari. La maggior parte di questi modelli sono sicuri in quanto non riscaldano l’acqua a temperature così elevate da causare ustioni (in sostanza rilasciano vapore tiepido).
  • Un altro sottotipo sono gli umidificatori due in uno che aggiungono umidità all’aria e funzionano anche come purificatori d’aria. L’idea sembra promettente, ma controllate attentamente le funzionalità, i prezzi e i feedback dei clienti. Molto spesso, due dispositivi separati sono più efficienti e offrono più funzionalità, e il loro costo congiunto è molto simile (o inferiore) a un modello due in uno.
  • Infine, alcuni umidificatori funzionano anche come diffusori di aromi e consentono l’aggiunta di oli essenziali per profumare la casa.

Umidificatore e dimensioni della stanza

Una volta che avrete capito quale tipo di umidificatore fa al caso vostro, il passaggio successivo è decidere la sua potenza. La maggior parte dei modelli indica l’area di lavoro massima in metri quadrati all’interno delle specifiche. Tuttavia, vi è una forte tendenza da parte dei produttori ad esagerare tale cifra, utilizzando i metodi di calcolo più fantasiosi. Inoltre, anche altri fattori come l’altezza del soffitto, la ventilazione interna, la temperatura dell’aria e l’umidità possono influenzare le prestazioni effettive del dispositivo.

Per questi motivi, è difficile fornire una formula standard. Si consiglia di prestare attenzione alla velocità (o alla resa) di umidificazione. Più questa è alta e più efficace sarà l’umidificatore. Inoltre, scegliete un modello consigliato per un’area leggermente più ampia di quella effettivamente necessaria. Non lanciatevi subito nell’acquisto dell’umidificatore più grande e potente, poiché troppa umidità in una stanza piccola può portare alla formazione di muffe.

Serbatoio d’acqua

La capacità del serbatoio dell’acqua è un altro fattore cruciale da considerare. Gli umidificatori da tavolo più piccoli possono avere serbatoi di soli 200-300 ml. Ciò significa che potreste doverli riempire 1-2 volte al giorno. Gli umidificatori da pavimento di solito hanno serbatoi più grandi (fino a 6 l) e alcuni possono funzionare ininterrottamente per più di 2 giorni. Il tempo di esecuzione dipenderà da quanto è secca l’aria e dalla velocità della ventola selezionata.

Tenere un umidificatore molto grande in una piccola stanza non è l’ideale. Per tenere pulito il vostro umidificatore, l’acqua deve essere cambiata regolarmente ed è più facile dimenticarsene se il serbatoio sembra sempre pieno.

Inoltre, considerate quanto è facile sollevare e riempire il serbatoio. Alcuni sono pesanti e difficili da manovrare quando sono pieni, il che può essere problematico se si soffre di artrite, dolori lombari o altri problemi di salute. Se non volete avere a che fare con serbatoi pesanti, considerate gli umidificatori con riempimento dall’alto, che consentono di versare l’acqua direttamente all’interno del dispositivo.

Rumorosità

In generale, gli umidificatori non sono tra gli apparecchi più rumorosi. La maggior parte emette circa 40 dB (il livello di rumore in una biblioteca) o anche meno quando sono impostati alla velocità massima. Tuttavia, se volete usarne uno in camera da letto o in ufficio, vale la pena scegliere l’opzione più silenziosa possibile.

Gli umidificatori con vapore caldo di solito sono più silenziosi dei loro concorrenti con vapore freddo poiché i primi non utilizzano ventole. L’eccezione alla regola sono i modelli ad ultrasuoni, che spesso sono quasi impercettibili poiché producono onde sonore che non possiamo sentire.

Se i livelli di rumorosità vi stanno a cuore, consigliamo di stare lontano dai modelli più economici (indipendentemente dalla tecnologia utilizzata). Di solito usano materiali di qualità inferiore e le loro ventole possono diventare più rumorose nel tempo. Inoltre, scegliete un modello con diverse intensità, in modo da poter abbassare la ventola di notte.

Altre caratteristiche

A questo punto, abbiamo visto tutti gli aspetti chiave riguardo agli umidificatori. Tuttavia, ci sono alcune caratteristiche minori la cui presenza o assenza può essere determinante per prendere la decisione finale.

Spegnimento automatico: questa funzione spegne l’unità quando il serbatoio dell’acqua è vuoto. Ciò consente di risparmiare energia ed è anche fondamentale per la sicurezza. Al giorno d’oggi, quasi tutti gli umidificatori dispongono dello spegnimento automatico, inclusi i modelli consigliati nella nostra lista.

Umidostato: questo accessorio spegne l’unità quando viene raggiunto il livello di umidità preimpostato e la riaccende quando i livelli di umidità scendono. Se il vostro umidificatore non ne ha uno, dovreste procurarvi un igrometro e accendere o spegnere la macchina da soli.

Pannello di controllo:

umidificatore panela di control

consigliamo di ricercare un modello con controlli semplici e intuitivi e un display chiaro e leggibile. Questo avviserà quando è necessario riempire l’acqua, cambiare il filtro e/o pulire l’unità. I modelli con display di solito hanno igrometri incorporati che consentono di impostare l’esatta percentuale di umidità. Va però detto che uno schermo grande e luminoso potrebbe essere più fastidioso di notte rispetto alle sole spie luminose. Controllate se il display può essere oscurato, soprattutto se cercate un umidificatore per una camera da letto, vostra o dei bambini.

Timer: questa funzione consente di programmare l’accensione o lo spegnimento dell’umidificatore anche se non siete in casa. Cambiare i livelli di umidità in stanze molto grandi può richiedere diverse ore e questa funzione vi consentirà di svolgere le vostre attività quotidiane, invece di restare a fare da babysitter all’umidificatore.

Design: sicuramente non dispiace che il design di un umidificatore si adatti bene alla casa. Tuttavia, anche il design deve rivelarsi pratico: cercate modelli con forme semplici, senza spazi o angoli di difficile accesso, in quanto sono tra i più facili da pulire.

Funzionalità smart: se desiderate il controllo da remoto del dispositivo, procuratevi un umidificatore smart. Questi modelli vengono forniti con app compatibili che consentono di accendere o spegnere l’umidificatore, modificare la velocità della ventola, impostare il livello di umidità desiderato e così via. Nessun umidificatore è abbastanza intelligente da pulirsi da solo e purtroppo questa sarà ancora una vostra responsabilità.

Costi extra: prima di acquistare, considerate i costi aggiuntivi del modello in questione. Include filtri che devono essere cambiati e, in caso affermativo, con che frequenza? Avrete bisogno di acquistare cartucce di demineralizzazione o acqua distillata? E riguardo la pulizia: avrete bisogno di un detergente specifico? Verificate anche il consumo di energia, che varia significativamente tra i modelli. In conclusione, anche un umidificatore apparentemente economico può rivelarsi sorprendentemente costoso nel tempo, e viceversa.

Installazione e manutenzione

Installare e prendersi cura di un umidificatore non è complesso, ma sono necessarie alcune precauzioni igieniche e di sicurezza. Gli spazi non puliti diventano terreno fertile per batteri e funghi, che possono innescare diversi problemi di salute, dall’asma alle allergie alla polmonite.

Raccomandiamo di leggere attentamente il manuale e seguire le raccomandazioni. Di seguito, elenchiamo consigli generali per darvi un’idea di cosa aspettarvi dal vostro nuovo elettrodomestico.

  • Posizionate l’umidificatore in una stanza con finestre in modo che l’aria possa circolare liberamente e il vapore non si accumuli sulle superfici. Se avete animali domestici o bambini piccoli, assicuratevi che il dispositivo e il suo cavo non possano essere raggiunti e/o tirati.
  • Se utilizzate l’umidificatore quotidianamente, il serbatoio dovrà essere pulito almeno una volta alla settimana. Ogni tre giorni sarebbe ancora meglio, ma la maggior parte di noi ha molti altri compiti di cui occuparsi. Quando è il momento, sciacquate abbondantemente il serbatoio con acqua (è possibile aggiungere un detergente delicato). La forma del serbatoio determinerà quanto sarà facile o meno il compito. Alcuni serbatoi possono anche essere inseriti in lavastoviglie.
  • Dopo ogni lavaggio, asciugate accuratamente il serbatoio dell’acqua e tutte le altre parti che necessitano di risciacquo (ad es. i filtri a stoppino o le uscite del vapore) prima di montare e accendere nuovamente l’unità.
  • Se l’umidificatore necessita di filtri, sostituiteli come consigliato nel manuale. La maggior parte dei modelli richiederà un nuovo filtro ogni 2-6 mesi. Si consiglia di acquistarne alcuni insieme all’umidificatore per ridurre al minimo il rischio che questo resti inattivo.
  • Per eliminare il calcare potete usare l’aceto. Se invece utilizzate cartucce di demineralizzazione, ricordatevi di sostituirle regolarmente. Potete anche passare all’acqua distillata o demineralizzata per prevenirne l’accumulo. Infine, alcuni umidificatori più avanzati hanno detergenti specifici che di solito valgono l’investimento.
  • Se desiderate utilizzare oli essenziali, aggiungeteli solo nello scomparto indicato e mai direttamente nell’acqua. Un uso improprio può infatti ostruire e danneggiare l’umidificatore. Non tutti i modelli possono essere utilizzati come diffusori di aromi; controllate attentamente il manuale prima di acquistare.

Conclusioni

A questo punto avete imparato tutto ciò che c’è da sapere per sfidare l’aria secca in casa. Il Levoit LV600HH si è meritato il primo posto nella nostra classifica, poiché combina potenti prestazioni di umidificazione e una straordinaria gamma di funzionalità, pur rimanendo relativamente conveniente e richiedendo poca manutenzione.

Se siete disposti a spendere di più, Venta LW25 Comfort Plus necessita di pulizia solo due volte al mese e migliora anche la qualità dell’aria. D’altra parte, il Taotronics TT-AH001 è un’ottima opzione economica. Sebbene sia più difficile da pulire, la sua capacità di umidificazione corrisponde a quella del nostro primo classificato.

Infine, chi preferisce gli umidificatori evaporativi, rimarrà colpito dal Philips HU4813 e dallo Xiaomi SmartMi. Il primo vince quando si tratta di pulizia senza sforzo, mentre il secondo ha eccellenti funzionalità smart.

Clicca per votare questo post!
Totale: 0 Media: 0
Back to top button