Consigli per Installare Correttamente una Stazione Meteo Domestica

Ultimamente, conoscere le previsioni del tempo risulta quasi essenziale in molteplici situazioni, specialmente quando si sta programmando una gita fuori porta, oppure quando si vuole organizzare una grigliata in giardino.

Una stazione meteo domestica permette a chiunque di ottenere informazioni circa la temperatura, l’umidità o le previsioni meteo di un certo luogo, permettendo quindi all’utente di essere sempre a conoscenza dei cambiamenti metereologici della propria zona. A seconda del modello scelto, i vari sensori possono essere posizionati sia all’interno che all’esterno dell’abitazione.

Sebbene moltissime persone preferiscano affidarsi alle previsioni del tempo tradizionali, come quelle trasmesse in TV, piuttosto che quelle mostrate su Internet, in questa guida abbiamo deciso di dedicarci alle stazioni meteo domestiche, spiegandone il funzionamento, le caratteristiche, e come installarle in maniera corretta.

A Cosa Serve una Stazione Meteo?

Al giorno d’oggi, le stazioni meteo domestiche più in voga sono digitali e permettono di rimanere aggiornati non solo sulle previsioni del tempo, ma anche su tutta una serie di fattori atmosferici che potrebbero condizionare non poco l’andamento della giornata.

La funzione principale di una stazione meteo domestica non differisce da quella di una stazione meteo professionale, ovvero cerca di sfruttare i parametri metereologici rilevati per prevedere in maniera più accurata possibile i cambiamenti futuri delle condizioni atmosferiche.

I parametri su cui le stazioni meteo per la casa possono basarsi sono la pressione atmosferica, misurata con un barografo, la velocità del vento, misurata con un anemometro, la temperatura, misurata con un termometro, e l’umidità, misurata con un igrometro.

Prima di continuare, va notato che tenere d’occhio la percentuale di umidità all’interno di una casa è importante anche per evitare la formazione di muffe. Infatti, secondo il Ministero della Salute, una percentuale di umidità inferiore al 50% previene la formazione della muffa ed evita così dei possibili rischi per la salute.

Installare una Stazione Meteo Domestica: Cosa Fare e Cosa Evitare

Quando si parla del procedimento di installazione di una stazione meteo per la casa, è necessario per prima cosa fare un’importante osservazione. Esistono diversi tipi di stazioni meteo, da quelle professionali, a quelle base, passando per quelle da viaggio. Alla luce di questo, prima di procedere con l’istallazione dei vari sensori si dovrà valutare la tipologia di stazione acquistata e leggere con attenzione le istruzioni fornite dai produttori.

meteo stazione

Vediamo ora le principali caratteristiche che possono essere riscontrate nei diversi tipi di stazioni meteo:

Stazione Meteo Base

I modelli base delle stazioni meteo, in linea di massima, sono più economiche e di dimensioni ridotte, tuttavia non presentano tutte le caratteristiche presenti in modelli più avanzati o professionali. Questa stazione permette di conoscere la temperatura, l’umidità e le previsioni meteo di un certo ambiente, e, nella maggior parte dei casi, hanno sensori da posizionare sia all’interno che all’esterno della casa.

I requisiti di installazione fondamentali consistono nel posizionare il sensore esterno sul terrazzo, oppure in giardino, evitando però di esporlo alla diretta luce del sole.

Stazione Meteo da Viaggio

Le stazioni meteo da viaggio sono progettate per essere piccole e facilmente trasportabili. Esse consistono in un display digitale, un sensore per la temperatura, ed un termometro. La maggior parte di esse è alimentata da batterie al litio e, in questo caso, i fattori più importanti da considerare durante l’installazione consistono nel non posizionare i sensori troppo distanti dall’unità, e, al contempo, di posizionarli lontano da alberi o abitazioni.

Stazione Meteo Professionale

Oltre alle caratteristiche incluse nei modelli base, le stazioni meteo professionali possono includere una stazione pluviometrica, che rileva la quantità di pioggia caduta in un luogo, un solarimetro, per misurare l’intensità delle radiazioni solari, un sensore di raggi UV, sensori di bagnatura fogliale, o delle sonde per misurare l’umidità in superficie. In questo caso è essenziale seguire le istruzioni specifiche sui posizionamenti dei vari sensori, ad esempio il pluviometro va installato ad almeno 10 metri da alberi o costruzioni, e l’igrometro va posizionato ad un’altezza di 1.70-2.00 metri dal suolo.

Dove Installare i Vari Sensori

Ora che abbiamo descritto le principali tipologie di stazioni meteo, vediamo in che modo devono essere posizionati i loro sensori per funzionare al meglio. Ovviamente, bisogna sempre controllare le istruzioni dell’unità scelta, tenendo a mente che le modalità di installazione possono variare se si intende piazzare i sensori in aree remote e naturali, oppure in luoghi affollati e ristretti, come le città.

  • Sensore di Temperatura

Il termometro va posizionato in aree aperte che non siano però esposte alla luce diretta del sole. È inoltre importante evitare di installarlo vicino al pavimento, al tetto, all’erba, o in altri luoghi che si possono scaldare velocemente.

  • Anemometro

anemometro

L’anemometro misura la velocità e la direzione del vento. In generale deve essere posizionato a circa 10 metri dal suolo, in luoghi aperti dove il vento può arrivare da ogni direzione. È importante che non ci siano ostacoli verticali nelle vicinanze, come alberi ed edifici, e per questo non può essere installato su un balcone.

  • Pluviometro

Il pluviometro rivela informazioni relative alla pioggia, quindi deve obbligatoriamente essere posizionato in aree aperte e lontano da ostacoli che possano impedire la corretta rilevazione delle precipitazioni. È possibile installarlo sul prato o sul tetto, ma non su un balcone.

  • Sensore di Umidità

sensore di umidita

L’igrometro, utile per misurare l’umidità, può essere installato sul tetto ad una distanza di 2 metri dalle tegole, sul balcone a una distanza di 1.5 metri dal muro, o sul prato a una distanza di 1.70-2.00 metri dal suolo e lontano da ostacoli verticali.

  • Sensori da Interno

I sensori che possono essere posizionati all’interno dell’abitazione consistono, nella maggior parte dei casi, nel termometro e nell’igrometro. Il termometro, che può essere posizionato all’interno dell’unità, andrebbe installato in aree non colpite direttamente dalle radiazioni solari, mentre, all’interno dell’abitazione, l’igrometro può essere posizionato a circa 1-1.50 metri da terra.

Ottenere il Massimo da una Stazione Meteo Domestica

Per raggiungere il massimo risultato e ottenere le rilevazioni più precise è necessario installare correttamente i sensori della propria stazione meteo. Come abbiamo visto, le distanze e le posizioni variano sia a seconda del tipo di sensore, che in base all’area dove andranno posizionate. Inoltre, non tutti i sensori possono essere installati su tetti o balconi, per questo è necessario leggere con attenzione le istruzioni fornite dai produttori.

Clicca per votare questo post!
Totale: 0 Media: 0
Back to top button