ottimiprodotti.it dedica molte ore alla ricerca e ai test per aiutarti a trovare i prodotti migliori da acquistare. Ogni prodotto viene selezionato in maniera indipendente dal nostro team. Se acquisti qualcosa tramite i link dei nostri contenuti, possiamo guadagnare una piccola commissione.

Migliori aspirapolvere senza fili 2021

Fino a poco tempo fa, gli aspirapolvere senza filo erano meno performanti rispetto ai modelli tradizionali e non potevano competere quando si trattava di pulire a fondo la casa. Certo, erano utili per pulizie più veloci e leggere, ma la durata della batteria e la potenza di aspirazione non erano sufficienti per aree più grandi, per tappeti shaggy a pelo lungo e tipologie di sporco difficili da rimuovere, come i peli di animali.

Mentre ricercavamo i migliori modelli di aspirapolvere tradizionali, ci siamo ripromessi di scrivere anche delle loro controparti cordless, che sono diventate abbastanza buone da costituire ormai una valida alternativa. Bene, il giorno è finalmente arrivato (e prima di quanto ci aspettassimo). La tecnologia è migliorata notevolmente e questi modelli vantano batterie migliori, prestazioni di pulizia più elevate e più funzionalità. Inoltre, con sempre più produttori che entrano nel mercato, ci sono opzioni allettanti per tutte le fasce di prezzo.

Per questo articolo, il nostro team ha confrontato e fatto ricerche su quasi 180 modelli. Abbiamo valutato le loro specifiche, le prestazioni nei test su varie superfici, nonché le recensioni degli utenti e degli esperti su vari aspetti chiave, tra cui la facilità d’uso, la manutenzione, l’ergonomia, le prestazioni della batteria e la durata. Ad essere sinceri, alcuni aspirapolvere senza fili sono ancora mediocri se comparati con i modelli con cavi, ma i migliori tra loro sono diventati abbastanza potenti da poter sostituire l’aspirapolvere tradizionale quasi completamente.

Che stiate cercando un aspirapolvere in grado di gestire tappeti a pelo lungo e una casa con diverse camere da letto, oppure un’opzione economica per pulizie e ritocchi rapidi, troverete ciò che fa al caso vostro nella nostra lista. Inoltre, nella nostra guida all’acquisto spieghiamo perché è una buona idea dire addio al cavo (e in quali casi è meglio mantenerlo), oltre a come confrontare diversi modelli e come scegliere i migliori accessori per le vostre esigenze di pulizia. Entro la fine di questo articolo, avrete tutte le conoscenze necessarie per fare il vostro ingresso nel mondo delle pulizie senza fili.

Dyson V11 Absolute Extra

Dyson V11 Absolute Extra
Dyson V11 Absolute Extra - Il migliore nei test

Pro

  • Eccezionali prestazioni di pulizia su tutte le superfici
  • La modalità automatica ottimizza la potenza e la durata della batteria
  • Il display informa sulla carica residua della batteria e sulla manutenzione
  • Contenitore igienico e facile da svuotare
  • Filtro HEPA lavabile
  • Viene fornito con un’eccellente gamma di accessori

Contro

  • Molto costoso
  • Il pulsante va tenuto costantemente premuto
  • Il peso potrebbe essere un problema per le persone con problemi articolari

Recensione

Il Dyson V11 è davvero impareggiabile tra gli aspirapolvere senza fili e, a dirla tutta, batte anche alcuni modelli con cavo. Non si tratta solamente di eliminare la polvere: ogni aspetto di questo modello è stato progettato con cura e funziona senza grossi sforzi, dalla ricarica al collegamento degli accessori allo svuotamento del contenitore.

Nei test, il Dyson V11 ha aspirato di tutto: briciole più grandi, peli di animali domestici, minuscole particelle di polvere e peli. I risultati sono rimasti puntualmente impressionanti, sia sui pavimenti duri che sui tappeti a pelo corto o a pelo lungo. Le prestazioni del Dyson sui tappeti meritano una menzione a parte, poiché questo è il tallone d’Achille di molti modelli cordless. Nella modalità Boost, è sorprendente quanta polvere venga aspirata anche da un tappeto che sembra perfettamente pulito.

Lo svantaggio della modalità Boost è che dura 12 minuti al massimo (in alcuni casi meno), dopodiché la batteria si arresta. La modalità Auto pone rimedio a questa pecca, poiché regola la potenza di aspirazione in base al tipo di superficie. Nei test, la modalità Auto ha fornito risultati quasi altrettanto buoni che il Boost, ma ha notevolmente prolungato la durata della batteria. A meno che non vogliate pulire a fondo un tappeto, l’Auto è perfetta per la maggior parte delle pulizie. Tuttavia, tenete presente che è necessario utilizzare la spazzola motorizzata, poiché gli altri accessori Dyson non possono regolare automaticamente la forza di aspirazione. Infine, c’è una modalità Eco che estende la durata della batteria fino a 60 minuti e offre ancora più grinta rispetto alla maggior parte dei modelli concorrenti impostati alla loro piena potenza.

Con il modello V11 Absolute Extra otterrete una batteria click-in, mentre il più costoso modello Absolute Extra Pro ne ha due, consentendo la pulizia fino a 120 minuti: è un sacco di tempo anche se avete bisogno di passare l’aspirapolvere in una villa. Tuttavia, gli utenti segnalano di essere riusciti a pulire oltre 100 m2 con una singola batteria, quindi questo extra non sarà necessario per la maggior parte delle famiglie. Entrambi i modelli V11 hanno un display pratico (e anti-stress), che informa su quanto tempo rimane prima che la batteria debba essere cambiata. Il display mostra anche la modalità di pulizia selezionata e vi informa su quando è necessaria la manutenzione.

Inoltre, la gamma V11 vanta un filtro HEPA facilmente lavabile e uno dei meccanismi di svuotamento più igienici che abbiamo visto su un aspirapolvere senza fili. Quando il contenitore raccoglipolvere da 0,76 litri è pieno, basta posizionarlo sopra il cestino della spazzatura e premere una leva per aprire il coperchio inferiore. Successivamente, basterà premere di nuovo la leva e il gioco è fatto. Questo meccanismo consente un minor contatto con lo sporco rispetto ad altri aspirapolvere senza fili e senza sacchetto (attenzione perché le piccole quantità di polvere rilasciate possono comunque influire sulle persone con asma o allergie).

Infine, Absolute Extra viene fornito con un generoso pacchetto di accessori. Il supporto per la ricarica a parete è compatto ed elegante. Oltre alla turbo spazzola, avrete a disposizione una testina non motorizzata per pavimenti duri, una spazzola per la polvere, una bocchetta a fessura stretta, un utensile combinato, una mini testina e una spazzola per lo sporco ostinato. Tutti gli accessori sono un piacere da attaccare o rimuovere e due tra questi possono essere riposti insieme all’aspirapolvere stesso. Eliminando il manico, il V11 si trasforma in un pratico aspirapolvere portatile e il pacchetto di accessori offre una soluzione perfetta per qualsiasi pasticcio.

In poche parole, il Dyson V11 Absolute Extra è costoso ma quasi perfetto. Un piccolo difetto è che la ricarica completa richiede 4,5 ore. Per le famiglie numerose o per chi possiede la moquette, la batteria extra risolverà il problema. Un difetto più grave è che il pulsante di accensione deve essere premuto continuamente durante l’operazione di pulizia. Rispetto ai vecchi Dyson, il grilletto è diventato più sensibile e comodo da impugnare, ma può comunque rendere faticose le pulizie più lunghe (il V11 pesa quasi 3 kg). Il potente motore si trova vicino all’impugnatura e le persone con dolori al polso o alle articolazioni si troveranno probabilmente meglio con un aspirapolvere più leggero o un modello verticale. Tuttavia, la maggior parte degli utenti trova il V11 abbastanza ergonomico per le proprie esigenze di pulizia.

Riteniamo che Dyson V11 Absolute Extra sia attualmente il miglior modello per la maggior parte degli utenti. Riesce a detronizzare il V10 con una potenza di aspirazione e una durata della batteria ancora maggiori (anche se il V10 era più leggero di circa 0,5 kg), mentre la modalità Auto e il display LCD sono la ciliegina sulla torta. Come accennato prima, se avete una famiglia numerosa, V11 Absolute Extra Pro vale la spesa leggermente maggiore. D’altra parte, alcune persone potrebbero preferire un modello Dyson più economico con meno componenti aggiuntivi. Il V11 Animal non ha la testina per pavimenti duri, viene fornito con meno accessori e ha un display più semplice (ma include comunque la mini spazzola turbo che i proprietari di animali domestici adorano).

Riassumendo, la gamma V11 ha ampliato gli orizzonti di ciò che può normalmente fare un aspirapolvere senza fili. E l’Absolute Extra con il suo fantastico pacchetto di accessori non è secondo a nessuno in quanto a rapporto qualità/prezzo. Se volete eliminare definitivamente l’aspirapolvere con cavo, questo è il miglior sostituto attualmente disponibile.

Specifiche

  • Durata della batteria: Fino a 60 minuti
  • Tipo di batteria: Li-ion
  • Batterie incluse: 1
  • Modalità di pulizia: 3
  • Rumorosità massima: 85 dB
  • Tipologia: Senza sacchetto
  • Capacità: 0,76 l
  • Dimensioni (A x L x P): 128,6 x 25 x 26,1 cm
  • Peso: 3 kg
  • Accessori inclusi: Spazzola turbo, spazzola per parquet, spazzola con fessura stretta, spazzola combinata, spazzola turbo mini, spazzola per la polvere, spazzola per lo sporco ostinato.

 

Controlla il prezzo


Miele Triflex HX1

Miele Triflex HX1
Miele Triflex HX1 – Il più versatile

Pro

  • Eccellenti prestazioni di pulizia su tutte le superfici
  • Lunga durata della batteria anche con l’impostazione più alta
  • Può essere utilizzato in tre diverse configurazioni
  • Ha un filtro a vita
  • Costruzione molto robusta e di alta qualità

Contro

  • Costoso
  • Potrebbe essere troppo pesante per le persone con problemi alle articolazioni
  • Alcuni utenti segnalano problemi quando aprono il contenitore della polvere

Recensione

Il Miele Triflex HX1 è un altro modello arrivato di recente nel mercato degli aspirapolvere senza filo, che offre un design del tutto innovativo. Questo modello è un 3-in-1, in quanto può essere utilizzato come aspirapolvere verticale, stick o portatile, a seconda dell’attività di pulizia che dovete affrontare. La qualità costruttiva è eccezionale e la batteria dura fino a 17 minuti con la massima potenza di aspirazione. Nei test, il Miele ha tenuto coraggiosamente testa al Dyson. Anche nella più bassa delle 3 modalità, l’HX1 è un aiutante sorprendentemente valido. Il Miele si è dimostrato leggermente migliore in alcuni test effettuati su pavimenti duri e tappeti più corti, ma il V11 ha superato la sfida dei tappeti a pelo lungo. Analogamente al Dyson, la batteria agli ioni di litio di Miele dura fino ad un’ora e può essere sostituita rapidamente.

L’uso del Triflex è estremamente confortevole e la manovrabilità è eccellente. C’è un interruttore che non va tenuto premuto tutto il tempo durante le operazioni di pulizia, e poiché il motore è vicino alla spazzola (similmente agli aspirapolvere verticali), questo modello è perfetto per la pulizia di grandi aree perché si sente meno tensione sul polso. Nella sua configurazione verticale, l’HX1 si regge in piedi da solo, il che è comodo se dovete spostare mobili o raccogliere alcuni oggetti che non vanno aspirati. Montando il motore vicino alla maniglia otterrete invece un classico aspirapolvere per pulire aree più alte e difficili da raggiungere. Infine, è possibile rimuovere completamente il bastoncino e il Triflex diventa un modello portatile per piccole attività di pulizia.

Secondo gli utenti, la modifica della posizione del motore richiede 30-60 secondi, il che non è molto, ma, una volta trovata la disposizione preferita, potreste non doverla modificarla così spesso. Questo è uno degli aspirapolvere senza filo più pesanti sul mercato (completamente assemblato, pesa 3.6 kg); pertanto, le configurazioni stick e portatile possono risultare stancanti per le persone con articolazioni sensibili.

La batteria dura da 17 minuti a 1 ora e Miele stima che questo modello sia abbastanza potente da gestire un’area di 125 m2. La ricarica richiede 4 ore e ci è piaciuto che la batteria possa essere caricata direttamente oppure dal supporto a muro. Il Triflex ha un filtro che dura a vita, mentre il contenitore per la polvere può contenere fino a 0,5 litri di sporco.

Se dobbiamo segnalare un difetto di questo aspirapolvere, sarebbe il meccanismo di svuotamento a rotazione. Andrà infatti ruotato di 45° per sganciarlo e di altri 45° per aprirlo. Diversi utenti segnalano che se si applica accidentalmente troppa forza e si ruota troppo, il contenitore si apre completamente e tutta la polvere raccolta finisce di nuovo sul pavimento.

Tuttavia, se riuscite a passare sopra a questi piccoli difetti, l’aspirapolvere senza fili di Miele è davvero impressionante, sebbene non sia economico. L’HX1 viene fornito con bocchetta a fessura stretta, una spazzola per la polvere e una spazzola per tappezzeria. Per gli amanti degli animali, consigliamo invece il modello HX1 Cat & Dog, che include un filtro HEPA a vita, una spazzola con luce LED e accessori extra per rimuovere i peli di animali domestici. Infine, l’HX1 Pro è il set più costoso e generoso. Ha un filtro HEPA e una spazzola con luce a LED, oltre ad una batteria extra e un vassoio aggiuntivo per la ricarica (ma senza gli accessori per animali domestici).

Poiché l’HX1 è stato rilasciato abbastanza di recente, nessuno può ancora dire quanto bene si comporti nel tempo. Va detto che questo aspirapolvere sembra più solido e robusto dei rivali, e gli elettrodomestici Miele hanno una reputazione di eccezionale longevità, che nel caso del Triflex il produttore stima essere di 10 anni. Se questa stima dovesse essere accurata, l’HX1 potrebbe superare i suoi concorrenti di due o tre volte, rendendolo un ottimo investimento.

Specifiche

  • Durata della batteria: Fino a 60 minuti
  • Tipo di batteria: Li-ion
  • Batterie incluse: 1
  • Modalità di pulizia: 3
  • Rumorosità massima: 85 dB
  • Tipologia: Senza sacchetto
  • Capacità: 0,5 l
  • Dimensioni (A x L x P) :129,7 x 26 x 28 cm
  • Peso: 3 kg
  • Accessori inclusi: Spazzola turbo, spazzola con fessura stretta, spazzola per la polvere, accessorio per tappezzeria

Controlla il prezzo


Bissell CrossWave

Bissell CrossWave
Bissell CrossWave – Il miglior rapporto qualità/prezzo

Pro

  • Conveniente
  • Buone prestazioni di pulizia su pavimenti duri e tappeti
  • Può essere usato come aspirapolvere e come lavapavimenti
  • Supporto autopulente
  • Lascia un odore gradevole dopo la pulizia

Contro

  • Può lasciare aloni sui pavimenti duri
  • Non può essere utilizzato su pavimenti in moquette
  • Non abbastanza potente per le macchie incorporate nei tappeti
  • Breve durata della batteria

Recensione

Il Bissell CrossWave è un’innovazione interessante tra i modelli cordless. Essendo in grado non solo di aspirare ma anche di pulire, funge da aspirapolvere e aspiraliquidi e può essere utilizzato sia su pavimenti duri che sui tappeti. Tuttavia, non è pensato per la pulizia di tappeti troppo grandi e la durata della batteria di circa 25 minuti rende il Bissell più adatto per le piccole famiglie.

Considerando quanto sia conveniente il CrossWave, bisogna dire che offre prestazioni di aspirazione sorprendentemente buone. Raccoglie abbastanza bene vari tipi di sporco su pavimenti duri e tappeti. La testina della spazzola ruota leggermente per facilitare il compito. Poiché la maggior parte del suo peso (4,9 kg) si trova vicino alla spazzola, impugnare il CrossWave è molto comodo. Tuttavia, alcuni utenti ammettono che la manovrabilità complessiva potrebbe essere migliorata per raggiungere aree difficili, ad esempio sotto i mobili.

Per quanto riguarda le pulizie complesse, CrossWave riesce a rimuovere anche i pasticci peggiori e potrebbe anche raccogliere peli di animali domestici e sporco che altri aspirapolvere non riescono a catturare. Sfortunatamente, quando il rullo della spazzola si sporca, può lasciare aloni visibili sui pavimenti. Per questo motivo, questo modello funziona meglio per dare una passata extra a superfici che sono già in condizioni abbastanza buone. Sui tappeti, CrossWave ha faticato per rimuovere le macchie più vecchie, tra cui fango, caffè e vino. Tuttavia, è ottimo per rinfrescare i tappeti leggermente sporchi, su cui lascia un odore gradevole.

Nel complesso, CrossWave è facile da usare. Ha due contenitori per l’acqua: il primo può contenere fino a 0,82 litri e deve essere riempito con acqua e detersivo (dei segni utili aiutano a dosare correttamente a seconda delle dimensioni dell’area di pulizia). Il secondo contenitore ha una capacità di 0,62 litri e raccoglie l’acqua sporca. Entrambi devono essere svuotati dopo ogni sessione di pulizia e il filtro deve essere lavato e asciugato. Il supporto di ricarica funge anche da stazione di pulizia. Dovrete solo aggiungere un po’ d’acqua e la soluzione nel suo vassoio e accendere il Bissell. La batteria è integrata e la ricarica completa richiede circa 4 ore.

Poiché il Bissell CrossWave non è progettato per essere utilizzato come aspirapolvere portatile, non include spazzole o accessori aggiuntivi. Tuttavia, è possibile cambiare il rullo della spazzola Multi-Surface con versioni specifiche per pavimenti in legno e tappeti. Questi possono essere ordinati separatamente o in un kit con il filtro (quest’ultimo va sostituito una volta che sarà troppo sporco per essere lavato). Tenete presente che dovrete utilizzare il detergente Bissell, o in caso contrario, la garanzia decade.

Per concludere, il Bissell CrossWave non è potente come le nostre scelte principali, ma è anche meno costoso. Le sue prestazioni di aspirazione sono abbastanza buone; tuttavia, la funzione di lavaggio ha alcuni punti deboli. In breve, questo aspirapolvere senza fili a basso costo funziona meglio per piccole aree che non presentano troppe sfide né sporco duro a morire.

Specifiche

  • Durata della batteria: Fino a 25 minuti
  • Tipo di batteria: Li-ion
  • Batterie incluse: 1
  • Modalità di pulizia: 3
  • Rumorosità massima: 80 dB
  • Tipologia: Senza sacchetto
  • Capacità: 0,62 l
  • Dimensioni (A x L x P): 118 x 33 x 35 cm
  • Peso: 4,9 kg
  • Accessori inclusi: Spazzola multi-superfici

 

Controlla il prezzo


Roborock H6 Adapt

Roborock H6 Adapt
Roborock H6 Adapt – Il più ergonomico

Pro

  • Eccellenti prestazioni di pulizia su pavimenti duri e tappeti
  • La modalità automatica ottimizza la potenza di pulizia e la durata della batteria
  • Il display informa sulla carica residua e sulle attività di manutenzione
  • Molto leggero e comodo da usare
  • Filtro HEPA lavabile
  • Include un’eccellente gamma di accessori
  • Abbastanza conveniente

Contro

  • La pulizia sui tappeti a pelo lungo è soddisfacente, ma non eccellente
  • Il contenitore per la polvere piccolo e difficile da svuotare
  • Disponibilità limitata di ricambi

Recensione

I robot aspirapolvere di Roborock hanno sfidato Roombas per un bel po’, quindi ci aspettavamo che il debutto del marchio nel mercato degli aspirapolvere cordless fosse altrettanto ambizioso. E non siamo rimasti delusi, poiché l’H6 è un aspirapolvere futuristico e affamato di polvere come i modelli di fascia alta, sebbene sia notevolmente più economico e leggero.

Per quanto riguarda le prestazioni di pulizia, il leggerissimo H6 (pesa solo 1,4 kg) ha superato le nostre aspettative. Ha lasciato pavimenti duri e tappeti a pelo corto e medio quasi immacolati, anche con impostazioni di potenza inferiori. Per quanto riguarda i più impegnativi tappeti a pelo lungo, potrebbe raccogliere fino al 90% delle particelle più piccole se impostato al massimo. Sebbene questo modello sia leggermente indietro rispetto a modelli come il Dyson, la potenza di aspirazione è impressionante.

L’aspetto dove il Roborock H6 supera il Dyson (e qualsiasi altro modello senza fili, ad essere onesti), è nella durata della batteria con una singola carica. La batteria è integrata, arriva fino a 90 minuti e la sua longevità è stata confermata nella vita reale. Questo perché Roborock ha incluso nella la sua creazione una batteria ai polimeri di litio, mentre tutti gli altri modelli sul mercato utilizzano ancora gli ioni di litio. Questa innovazione non solo porta a sessioni di aspirazione più prolungate, ma si prevede che il modello Roborock mantenga l’80% della sua potenza anche dopo 400 cicli di ricarica. Inoltre, il supporto di ricarica può essere configurato come autoportante oppure installato a parete, a seconda delle esigenze. La ricarica stessa richiede 4 ore.

Analogamente al Dyson V11, il Roborock ha tre modalità di alimentazione, inclusa un’impostazione automatica che regola la forza di aspirazione a seconda della superficie. Quando è impostato su Max, l’H6 dura circa 10 minuti. Le somiglianze tra i due modelli non finiscono qui, poiché l’H6 ha anche uno schermo. Sebbene sia più piccolo di quello di Dyson, il display OLED è chiaro e di facile lettura, e mostra le informazioni sulla durata residua della batteria, la modalità selezionata e gli avvisi di manutenzione.

L’H6 ha due filtri HEPA lavabili per catturare anche le particelle più piccole, ma il meccanismo di svuotamento non è dei migliori. L’idea che c’è dietro è simile a quella del Dyson (un coperchio si apre premendo un pulsante), ma gli utenti segnalano che un po’ di sporco, così come i peli di animali domestici, possono rimanere bloccati all’interno. Se ciò accade, dovrete rimediare manualmente. Inoltre, la sua capacità di 0,4 litri vi costringerà a ripetere questo compito abbastanza spesso.

La gamma di accessori non è particolarmente vasta, ma è ben pensata per coprire la maggior parte delle esigenze di pulizia. Oltre alla spazzola motorizzata principale, c’è una spazzola per la polvere, una mini spazzola turbo, un accessorio a fessura stretta e il nostro preferito: un tubo flessibile estensibile. Potrete attaccare direttamente tutti gli accessori (trasformando l’H6 in un aspirapolvere portatile) o usarli insieme al tubo flessibile per raggiungere anche gli spazi più ostici. Ancora meglio, l’H6 blocca il pulsante per il funzionamento continuo. Ciò significa che potrete posizionarlo sul pavimento e utilizzare il tubo flessibile per pulire l’area circostante, invece di trasportare l’aspirapolvere tutto il tempo.

Nel complesso, abbiamo riscontrato pochi problemi con il debutto di Roborock. Le prestazioni sui tappeti a pelo lungo potrebbero essere leggermente migliori, ma sono davvero impressionanti per il suo prezzo. Il contenitore potrebbe essere più spazioso e svuotarlo potrebbe essere più semplice. Tuttavia, queste mancanze vengono compensate dalla superba durata della batteria, dal comfort di utilizzo e dal funzionamento relativamente silenzioso. Una preoccupazione in più è la disponibilità di pezzi di ricambio. Attualmente, l’unica opzione per ottenere una batteria di ricambio è ordinare dalla Cina e non abbiamo idea di come si svilupperà la situazione nei prossimi anni, quando sarà necessaria una sostituzione. Detto questo, questo piccolo aspirapolvere senza filo viene fornito con una garanzia di 2 anni (che copre anche i problemi della batteria) e il servizio clienti di Roborock sembra molto reattivo. Se volete dare una possibilità all’H6, rimarrete sorpresi di quanto possano essere facili le operazioni di pulizia.

Specifiche

  • Durata della batteria: Fino a 90 minuti
  • Tipo di batteria: Li-Po
  • Batterie incluse: 1
  • Modalità di pulizia: 3
  • Rumorosità massima: 72 dB
  • Tipologia: Senza sacchetto
  • Capacità: 0,4 l
  • Dimensioni (A x L x P): 110 x 11 x 21,5 cm
  • Peso: 1,4 kg
  • Accessori inclusi: Spazzola turbo, spazzola per la polvere, spazzola turbo mini, accessorio a fessura stretta, tubo estensibile

 

Controlla il prezzo


Bosch Athlet Ultimate BBH7SIL

Bosch Athlet Ultimate BBH7SIL
Bosch Athlet Ultimate BBH7SIL – Il migliore senza fili verticale

Pro

  • Eccellenti prestazioni di pulizia su tutte le superfici
  • Molto confortevole grazie alla testina altamente manovrabile e al design verticale
  • Non necessita di supporto per stare in piedi
  • Elevata capacità del contenitore della polvere
  • Filtro autopulente

Contro

  • Il prezzo
  • Batteria non sostituibile e tempi di ricarica molto lunghi
  • Scomodo per pulire in altezza
  • Lo svuotamento del contenitore potrebbe essere più semplice

Recensione

L’ultimo modello – ma certamente non meno importante – nella nostra lista è il Bosch Athlet Ultimate BBH7SIL. Se gli aspirapolvere vi fanno tremare i polsi dal dolore, rimarrete piacevolmente sorpresi di quanto sia comodo e manovrabile questo modello verticale. Inoltre, la sua spaziosa tanica da 0,9 litri richiederà di essere svuotata meno spesso.

Nei test, il BBH7SIL ha pulito in modo efficiente tutte le superfici, dai pavimenti duri ai tappeti a pelo lungo. La potente spazzola rimuove con successo anche lo sporco più ostico, come i peli di animali. Inoltre, il livello di aspirazione del BBH7SIL rimane lo stesso anche quando il contenitore è pieno. Sono disponibili tre modalità di alimentazione: l’aspirapolvere è molto silenzioso con l’impostazione più bassa e la batteria dura fino a 1 ora. Questa modalità funziona meglio per pavimenti e altre pulizie leggere. Con l’impostazione media, la durata della batteria si dimezza, ma l’aspirazione diventa più forte e permette di gestire senza fatica la maggior parte delle attività. Nella modalità più alta (chiamata Turbo), l’Athlet è eccellente per i tappeti molto sporchi; tuttavia, avrete solamente 12 minuti per completare il lavoro. Manca il display, ma le spie luminose informano quando la batteria si sta scaricando o quando è necessario pulire il filtro.

Un altro vantaggio di questo modello è che si tiene in piedi da solo. Questo è utile quando desiderate fare una pausa e facilita lo stoccaggio dell’aspirapolvere e la ricarica. Basterà posizionare il vostro Athlet vicino a qualsiasi presa e collegarlo, senza dover ricorrere a supporti di ricarica ingombranti. La batteria è integrata e la ricarica è piuttosto lunga: dopo 3 ore raggiunge l’80%, ma la ricarica completa richiede 6 ore.

Ci è piaciuto molto il fatto che il serbatoio può contenere fino a 0,9 litri di sporco. Tuttavia, per svuotarlo, dovrete togliere il filtro ogni volta. Ciò rende l’attività più “polverosa” del necessario. Il filtro è di facile manutenzione grazie al sistema RotationClean. C’è una manopola, e mentre la girate, il filtro si pulisce da solo. Se questo è particolarmente sporco, potrete semplicemente picchiettarlo su una pattumiera.

Il set di accessori è modesto e ci sono dei limiti per trasformare questo modello in un aspirapolvere portatile. Il BBH7SIL permette soltanto di rimuovere la spazzola e di attaccare l’adattatore. Successivamente, potrete inserire lo strumento per tappezzeria incluso o quello con fessura. La sostituzione della testina principale rimuove solo 800 grammi dal suo peso totale (3,7 kg). Pertanto, questo modello è ancora troppo pesante e ingombrante per la pulizia di tende, mensole e altri oggetti posti più in alto. Il lato positivo è che la spazzola principale è sorprendentemente versatile e offre un’eccezionale manovrabilità. È possibile accedere facilmente agli angoli o alle aree sotto i mobili.

Nonostante il costo elevato, il Bosch Athlet Ultimate BBH7SIL è uno degli aspirapolvere senza filo più comodi che potrete acquistare per pulire pavimenti e tappeti più grandi. Ci sono piaciuti il suo design elegante e le prestazioni silenziose con le impostazioni più basse (quando impostato su Turbo, raggiunge gli 80 dB, proprio come la maggior parte dei rivali). Ai proprietari di animali domestici potrebbe piacere anche il BBH7PET, che è molto simile, ma viene fornito con una spazzola principale più aggressiva per rimuovere i peli e uno strumento extra per la pulizia dei materassi.

La batteria integrata, il lungo tempo di ricarica e l’uso limitato come aspirapolvere portatile mantengono l’Athlet Ultimate leggermente indietro rispetto ai nostri preferiti. Ma se desiderate principalmente un aspirapolvere senza fili per pavimenti e tappeti immacolati, si tratta di una scelta eccellente.

Specifiche

  • Durata della batteria: Fino a 60 minuti
  • Tipo di batteria: Li-ion
  • Batterie incluse: 1
  • Modalità di pulizia: 3
  • Rumorosità massima: 80 dB
  • Tipologia: Senza sacchetto
  • Capacità: 0,9 l
  • Dimensioni (A x L x P): 116 x 18,5 x 25 cm
  • Peso: 3,7 kg
  • Accessori inclusi: Spazzola turbo, accessorio a fessura stretta, accessorio adattatore, spazzola per tappezzeria

 

Controlla il prezzo


Guida all’acquisto di aspirapolvere senza fili

aspiravole senza filli

Quando nel 2018 Dyson annunciò che avrebbe smesso di produrre aspirapolvere con filo, c’erano molti scettici. D’altra parte, l’idea di non doversi preoccupare più di prese, raggio d’azione e cavi aggrovigliati ha rapidamente fatto cambiare idea alla maggior parte delle persone. Dal momento che si tratta pur sempre di una nuova tecnologia, non consigliamo di prendere il vostro aspirapolvere con filo e portarlo alla discarica più vicina tanto in fretta. In questa guida all’acquisto, scopriremo tutto ciò che c’è da sapere, oltre a spiegare i criteri essenziali da considerare prima di prendere una decisione definitiva.

Aspirapolvere senza fili o con filo

Gli aspirapolvere senza fili, o ricaricabili, hanno molti vantaggi. Sono più leggeri, più manovrabili e versatili. Tuttavia, possiedono anche diversi punti deboli e nessun produttore di aspirapolvere probabilmente ve li rivelerà. Se non riuscite a decidere se il vostro prossimo aspirapolvere debba avere il cavo o no, questa sezione fa al caso vostro.

Spazi: se la vostra casa è piccola e prevalentemente con pavimenti liberi, un cordless di fascia media potrebbe essere tutto ciò di cui avete bisogno. La situazione cambia se invece possedete una casa grande, animali che perdono peli e/o molti tappeti. In tal caso, avrete bisogno di un modello con un motore potente, batteria a lunga durata (o cavo lungo) e un buon kit di accessori. Ci sono opzioni eccellenti sia con che senza cavo, ma avrete maggiore scelta tra i primi, mentre nessun modello cordless può offrire un’autonomia infinita.

Prezzo: in breve, se c’è un cavo state certi che l’aspirapolvere sarà più potente in relazione al prezzo pagato. Gli aspirapolvere senza filo di fascia alta oggigiorno sono abbastanza potenti da gestire un gran caos in autonomia, ma potreste trovare un modello con filo altrettanto capace ad un terzo del prezzo. Ci sono anche molti modelli economici, ma sono più adatti per pulizie leggere e veloci. Con questi modelli, potreste aver bisogno di una pulizia occasionale più profonda con l’aspirapolvere tradizionale. Detto questo, non c’è niente di sbagliato nel tenere entrambi se avete spazio, in quanto possono completarsi a vicenda.

Affidabilità: un buon modello con cavo può facilmente arrivare a durare 10 anni. Le statistiche per gli aspirapolvere senza filo sono meno ottimistiche. Di solito, ci vogliono dai 2 a 5 anni prima che si rompano o sviluppino un problema troppo costoso da riparare. Con sempre più produttori che entrano nel mercato, la durata potrebbe migliorare, ma per ora i modelli con cavo sono l’opzione più affidabile.

Igiene: i modelli con cavo di solito permettono di scegliere l’opzione con o senza sacchetto. Solitamente i contenitori sono così grandi che, anche scegliendo il secondo, raramente avrete bisogno di toccare la parte polverosa. I modelli senza filo sono prevalentemente senza sacchetto. Di solito, i loro serbatoi sono molto piccoli e difficili da svuotare correttamente. Le persone che soffrono di asma o allergie farebbero meglio ad acquistare un modello con filo auto-sigillante e confezionato (forniamo alcune raccomandazioni qui). D’altra parte, gli aspirapolvere senza sacchetto sono più convenienti ed eco-compatibili.

Peso e design: spostare un aspirapolvere grande e ingombrante ogni volta che c’è un po’ di disordine sembra un compito terribile. Gli aspirapolvere senza fili sono più leggeri e la maggior parte delle persone preferisce fare sessioni di pulizia più brevi e mirate ogni volta che ce n’è bisogno invece di occuparsi dell’intera casa durante il weekend. Tuttavia, alcuni modelli di aspirapolvere senza filo sono scomodi da manovrare e il compito può risultare stancante durante la pulizia di grandi aree, poiché il motore è solitamente posizionato più in alto. Se si hanno dolori cronici alle braccia o ai polsi, anche un aspirapolvere da 3 kg potrebbe peggiorarlo.

Rumorosità: i modelli senza fili attualmente disponibili tendono a produrre da 70 a 80 dB alla massima velocità, ma questa è solitamente utilizzata solo pochi minuti alla volta. È dunque improbabile che questa specifica giochi un ruolo cruciale nella vostra decisione. Se preferite un aspirapolvere silenzioso, avrete più opzioni tra i modelli con cavo (anche sotto i 60 dB).

Versatilità: i tradizionali aspirapolvere con serbatoio sono solitamente dotati di un’ampia gamma di accessori, ad esempio una seconda spazzola (parquet) per pavimenti delicati. Con i modelli senza fili, le opzioni di accessori disponibili sono spesso inferiori. D’altra parte, quasi tutti gli aspirapolvere senza fili possono essere configurati come aspirapolvere portatili e alcuni possono essere utilizzati in tre configurazioni, fornendo infinite possibilità di pulizia. I modelli cordless (in particolare i verticali) sono anche più adatti per rimuovere le ragnatele situate in alto, pulire scale, automobili o altre attività non standard.

Stoccaggio: i modelli cordless sono generalmente più piccoli dei modelli tradizionali. Molti sono dotati di una “docking station” che può essere utilizzata come supporto da parete o da pavimento, a seconda delle esigenze. Alcuni modelli sono così fantasiosi che sarete felici di tenerli in mostra (e far sì che i vostri ospiti siano gelosi). I tradizionali aspirapolvere sono meno chic e gli utenti di solito li ripongono in un armadio o ripostiglio.

Costi aggiuntivi: le batterie sono la parte più costosa. Una volta che quella attuale è esaurita, sostituirla può essere esoso e alcuni produttori non mantengono molte riserve in magazzino. D’altra parte, la maggior parte dei modelli senza fili oggigiorno viene fornita senza sacco e possiede filtri lavabili. Quindi, potrete usare questi ultimi a lungo nel tempo, senza dover fare investimenti aggiuntivi.

Tipi di aspirapolvere senza fili

Tipi di aspirapolvere

Se state leggendo questa sezione, probabilmente cercate comunque un modello senza fili come principale strumento di pulizia o come accompagnamento all’aspirapolvere tradizionale. Fortunatamente, esistono diversi tipi di aspirapolvere senza fili, in grado di coprire tutte le esigenze di pulizia.

Aspirapolvere Stick: questo è il design più popolare, caratterizzato da un tubo sottile con il motore, la tanica e il filtro posti in alto, vicino alla maniglia e ai comandi. Tali modelli offrono un’eccellente manovrabilità e maneggiabilità. Tuttavia, con la maggior parte del peso nelle vostre mani, potreste stancarvi in fretta quando si tratta di affrontare grandi aree. I modelli stick sono spesso chiamati anche aspirapolvere senza filo 2 in 1. La maggior parte di essi può essere trasformata in dispositivi portatili rimuovendo il tubo e collegando uno qualsiasi degli accessori inclusi.

Aspirapolvere verticali: sono più voluminosi della precedente versione, ma il loro peso è solitamente distribuito più vicino al pavimento. Questo li rende più agevoli per grandi stanze e tappeti. Inoltre, possono reggersi verticalmente da soli, il che è comodo se è necessario spostare una sedia o raccogliere un oggetto caduto. I limiti di questi modelli si manifestano quando bisogna pulire spazi stretti come angoli, pavimenti sotto i letti, soffitti o tende, poiché sono più difficili da sollevare. Fortunatamente, molti possono essere configurati anche come dispositivi portatili. Tali modelli di solito hanno un’unità centrale rimovibile.

Aspirapolvere portatili: dal momento che le due tipologie precedenti di solito possono essere trasformate in dispositivi portatili, potreste chiedervi perché mai qualcuno dovrebbe acquistare un modello portatile vero e proprio. La verità è che questi aspirapolvere sono più economici e più maneggevoli. Se preferite un elettrodomestico con filo per pulire parquet e tappeti, ma talvolta avete bisogno di assistenza per passare l’aspirapolvere in auto o sotto i mobili, i modelli portatili sono un’ottima scelta. Gli aspirapolvere possono sembrare pesanti e goffi nella loro seconda configurazione, mentre un dispositivo pensato con questo scopo preciso sarà più bilanciato e influirà meno sui polsi (abbiamo elencato i nostri modelli preferiti qui).

Aspirapolvere a cilindro: stanno diventando sempre più rari, ma potrete ancora trovare alcuni aspirapolvere a cilindro tradizionali in commercio, ma senza il cavo. Il design consiste in un corpo principale su ruote con un’asta separata attaccata tramite un tubo. Questi modelli funzionano bene per pavimenti e tappeti, ma sono meno versatili per altre attività.

Altre tipologie: se nessuna delle opzioni precedenti sembra adatta alla vostra situazione, sono disponibili altre soluzioni innovative. Alcuni modelli hanno un design che combina aspirapolvere senza fili e una spazzola per lavare o modelli che possono essere configurati in più di due modalità di pulizia.

Capire le specifiche tecniche

La tecnologia alla base degli aspirapolvere senza filo si è evoluta molto. Ma come distinguere tra modelli mediocri e aspiratori inarrestabili? Questa sezione tratterà tutto ciò che c’è da sapere, dalle funzionalità essenziali alle innovazioni più interessanti che dovreste conoscere prima del vostro prossimo acquisto

Spazzole

spazzole Aspirapolvere senza fili

La maggior parte degli aspirapolvere con filo è dotata di una spazzola a forma di rullo che dovrebbe essere universale e adattarsi a tutti i tipi di pavimento, almeno in teoria. In pratica, raramente questa funziona bene. Alcuni modelli fanno fatica a raccogliere particelle più grandi dai pavimenti duri, disperdendole in tutte le direzioni. Altri, invece, sono inefficaci sui tappeti e non riescono ad accedere allo sporco più ostico e situato in profondità.

Inoltre, una spazzola motorizzata può graffiare pavimenti delicati come il parquet. Per pulire le superfici delicate, cercate un modello che consenta di spegnere il rullo rotante o, ancora meglio, che abbia una spazzola separata per pavimenti duri. Al contrario, i migliori aspirapolvere senza filo hanno spazzole progettate con cura, che si comportano sorprendentemente bene su vari pavimenti. Bisogna anche tenere in considerazione quanto sia manovrabile la spazzola e se sia conveniente da usare tra pareti e mobili.

Alcuni modelli hanno l’illuminazione a LED, che aiuta a scovare lo sporco negli angoli più scuri. Un altro fantastico extra è il rullo con spazzola autopulente. La maggior parte delle spazzole è rimovibile per rimediare manualmente ai capelli e allo sporco che si incastra tra le setole. Quelle autopulenti, invece, sono dotate di lame che svolgono il lavoro al posto vostro.

Batterie

I migliori aspirapolvere a batteria attualmente possono durare fino ad un’ora e 90 minuti con una singola carica. Tuttavia, la cifra elencata nelle specifiche di solito si riferisce all’impostazione di potenza più bassa. Con quella più alta, avrete solamente tra i 10 e i 20 minuti, a seconda del modello. Acquistare un aspirapolvere con un tempo di esecuzione più lungo sembra logico; tuttavia, i confronti possono essere fuorvianti. Diversi test hanno dimostrato che i migliori modelli sull’impostazione più bassa sono ancora più efficienti dei modelli economici su quella più alta.

Ma cosa succede se avete bisogno di un aspirapolvere in modalità turbo per affrontare lo sporco dovuto ad animali domestici o alla presenza di tappeti? In tal caso, dovreste cercare una batteria sostituibile, anziché incorporata. Esiste un malinteso ricorrente secondo cui le batterie incorporate non possono essere sostituite: questo non è vero, e l’operazione richiede solo più tempo e gli strumenti giusti. D’altra parte, una batteria extra consentirà di estendere immediatamente la durata dell’aspirapolvere. Alcuni modelli sono venduti con una seconda batteria inclusa, ma spesso è possibile ordinarla anche separatamente. Tenete presente che una seconda batteria è un vero investimento. Per le famiglie più piccole e per pavimenti nudi, di solito si tratta di un acquisto non essenziale.

Inoltre, prestate attenzione al tempo di ricarica e alle opzioni. La maggior parte dei modelli deve essere caricata dalla sua stazione di ricarica e il processo richiede dalle 4 alle 5 ore. Preferiamo senza dubbio i modelli che consentono di caricare la batteria separatamente, rispetto a quelli forniti di un caricabatterie.

Infine, anche il tipo di batteria è importante. Le batterie agli ioni di litio (Li-ion) possono essere caricate più rapidamente e durano più a lungo rispetto a quelle al nichel-metallo idruro (Ni-MH). Di recente sono comparsi modelli con batterie ai polimeri di litio (Li-Po). I vantaggi principali sono la leggerezza e la maggiore sicurezza; tuttavia, le Li-Pos sono più costose da produrre.

Impostazioni

I modelli più economici di solito hanno una sola modalità di funzionamento, mentre quelli più costosi ne hanno due o tre, permettendo di controllare e prolungare la durata della batteria. I migliori aspirapolvere senza filo oggi sono dotati di una modalità automatica che regola la potenza di aspirazione a seconda del tipo di pavimento.

Dovreste anche prestare attenzione ai controlli. Alcuni modelli hanno interruttori a forma di grilletto che devono essere premuti continuamente (vedere il modello Dyson). Questo può diventare gravoso per le braccia e le dita, soprattutto se avete articolazioni sensibili o soffrite di dolore cronico.

Preferiamo senza dubbio i modelli con levette che consentono di fissare la modalità selezionata.

Infine, alcuni modelli sono dotati di un display che mostra la modalità selezionata e la durata residua della batteria. Se le sessioni di pulizia con aspirapolvere senza fili vi creano ansia e non siete sicuri che riuscirete ad espletare l’intero compito, questo optional vale il costo aggiuntivo. I modelli più semplici di solito hanno indicatori della batteria, che sono meno informativi ma comunque pratici.

Capacità e manutenzione del contenitore

Attualmente, gli aspirapolvere senza cavo e senza sacco hanno una capacità compresa tra 0,3 e 0,9 litri. Il contenitore stesso è spesso più grande, ma di solito un segno indica il limite massimo (un riempimento eccessivo del contenitore può danneggiare il filtro e/o ridurre le prestazioni di pulizia).

In generale, un contenitore più grande è sempre preferibile, in quanto dovrete svuotarlo meno spesso e sarete meno esposti alla polvere. Tuttavia, anche il design è importante. Molti modelli hanno meccanismi di svuotamento complessi che richiedono operazioni di trazione, torsione ed estrazione dei filtri ogni volta che si raggiunge il limite – peraltro molto misero – di 0,3 litri. Il risultato? Un inferno di polvere! L’opzione migliore è un contenitore con apertura inferiore che può essere svuotato cliccando su un interruttore o un pulsante. Un’altra cosa da considerare è quanto bene il contenitore si svuota al primo tentativo. Se ha prese, angoli o fessure in cui la polvere può rimanere incastrata, dovrete dedicare più tempo alla manutenzione.

Filtri e guarnizioni

Un altro compito complesso è la pulizia del filtro. Questa operazione non può essere saltata, altrimenti rischiate blocchi, prestazioni scadenti e una durata ridotta del vostro elettrodomestico. La buona notizia è che la maggior parte dei modelli avrà filtri a lungo termine (o addirittura a vita) che possono essere semplicemente scossi per pulirli, oppure risciacquati in acqua corrente, riducendo al minimo i costi aggiuntivi. Anche in questo caso, maneggiare il filtro può far fuoriuscire la polvere, e questo dipende in larga parte dal design.

Alcuni modelli vantano filtri HEPA, che sono in grado di rimuovere almeno il 99,95% delle particelle nell’aria con 0,3 micron di diametro. Tuttavia, anche il miglior filtro al mondo non aiuterà, a meno che anche il resto dell’aspirapolvere non sia perfettamente sigillato. Come descritto in precedenza, i filtri lavabili e i contenitori senza sacchetto non proteggono completamente l’utente dalla polvere. Se un’eccellente qualità dell’aria è la vostra priorità, consigliamo di scegliere un aspirapolvere approvato per gli allergici e/o asmatici (esaminiamo alcuni modelli qui). Potreste anche voler acquistare un buon purificatore d’aria. Per tutti gli altri, il filtro HEPA non è essenziale, poiché tutti gli aspirapolvere attualmente venduti nell’UE devono avere una riemissione massima di polvere nell’aria dell’1,00%.

Peso

Gli aspirapolvere senza filo sono molto più leggeri dei modelli tradizionali e pesano in media 2-3 chilogrammi. Tuttavia, anche questo valore potrebbe sembrare eccessivo se l’aspirapolvere è mal bilanciato. Generalmente, i modelli stick che pesano più di 3 chilogrammi possono diventare stancanti da tenere in mano dopo un uso prolungato. I verticali sono spesso più pesanti ma rimangono comunque comodi, poiché la maggior parte del loro peso risiede sul pavimento.

Se dovete scegliere tra due modelli con capacità simili e avete articolazioni sensibili, vi consigliamo di optare per quello più leggero, di modo che sarete motivati a prenderlo in mano più spesso. Vi sarà anche più facile convincere il coniuge e la prole a fare la loro parte.

Potenza del motore

Questo aspetto è più complicato. Alcuni produttori elencano il wattaggio nelle specifiche tecniche (il valore che descrive la potenza del motore), mentre alcuni menzionano invece gli “air watt” (che esprimono la potenza di aspirazione). Per questo spesso è impossibile fare un confronto diretto e, ad essere sinceri, nessuna delle due unità di misura è del tutto esaustiva.

L’efficienza complessiva del design (e in particolare della spazzola) conta di più quando si tratta di prestazioni di aspirazione. Un numero più alto può indicare un aspirapolvere migliore, ma non sempre è così.

Accessori

Prima di acquistare, pensate attentamente a quali superfici dovete pulire più spesso. La maggior parte dei produttori offre diverse varianti per ogni modello e, spesso, l’unica differenza la fanno gli accessori inclusi. Sebbene sia possibile ordinare spazzole extra separatamente, acquistare la combinazione giusta dall’inizio è certamente più economico. Una volta selezionati i modelli finalisti, gli accessori inclusi possono aiutarvi a prendere la decisione definitiva. Inoltre, i modelli senza filo sono così versatili che è probabile che utilizzerete le spazzole e gli accessori inclusi più di quanto abbiate fatto in passato con l’aspirapolvere tradizionale.

Quasi tutti gli aspirapolvere hanno i seguenti 3 accessori inclusi e, in alcuni modelli, questi possono essere uniti insieme in un accessorio personalizzato:

  • Accessorio con fessura stretta: questo è lo strumento di cui avrete bisogno per pulire angoli, termosifoni, gli spazi tra i cuscini del divano e altri punti difficili da raggiungere. Questo accessorio ha una forma stretta e appiattita e una punta angolata, che consente l’accesso alle aree irraggiungibili per la spazzola per pavimenti. I nostri preferiti sono certamente gli strumenti per fessure più lunghi, in quanto offrono una migliore portata.
  • Spazzola antipolvere: perfetta per la pulizia di ripiani, librerie, paralumi e persiane, è una spazzola circolare o leggermente allungata con setole lunghe e morbide. Questa spazzola è eccellente per raccogliere la polvere senza preoccuparvi di graffiare le superfici più delicate. Alcune possono essere leggermente angolate per offrire una migliore pulizia.
  • Spazzola per tappeti: questo accessorio è progettato per pulire tessuti, materassi, divani, tappeti e oggetti simili. Ha una testa piccola e piatta, che garantisce un’aspirazione potente. Spesso ha anche una striscia di tessuto che può catturare i famosi “pelucchi”, per una pulizia più accurata.

Alcuni modelli di aspirapolvere saranno dotati di accessori aggiuntivi:

  • Spazzola turbo mini: questa è una versione più piccola e leggera di una testina motorizzata. La mini spazzola turbo è perfetta per pulire a fondo scale, tappeti e gli interni dell’auto con moquette. Grazie alle setole rotanti, è più potente dello strumento per tappezzeria, riesce a rimuovere lo sporco incorporato e può essere particolarmente utile per i proprietari di animali domestici.
  • Accessorio per materassi: simile allo strumento per tappezzeria, questo accessorio ha un’apertura ancora più stretta, garantendo la massima potenza di aspirazione durante la pulizia dei materassi. Sebbene non sia essenziale, questo strumento può essere utile per chi soffre di allergie, poiché consente di rimuovere più polvere e allergeni rispetto ad altri strumenti.
  • Tubo flessibile: assomiglia al tubo tradizionale degli aspirapolvere, ma è più corto. Vi consentirà di arrivare più lontano, facilitando l’accesso alle aree difficili. Permette inoltre di appoggiare l’unità centrale durante la pulizia per fare meno fatica.
  • Accessorio per pulire sotto i mobili: si tratta di un altro strumento lungo e flessibile ma più stretto, che aiuta a passare sotto i mobili, tra i sedili dell’auto e così via.

Conclusione

Un aspirapolvere senza fili ben scelto trasformerà il modo in cui vi prendete cura dei pavimenti e della casa. Fortunatamente, al momento ci sono tantissimi modelli disponibili, che coprono tutti i budget e le esigenze di pulizia.

Se il prezzo non è un problema, Dyson V11 Absolute Extra è l’aspirapolvere senza fili più potente attualmente sul mercato. La sua elevata forza pulente, il contenitore facile da svuotare e la batteria a lunga durata offrono una combinazione eccellente. Inoltre, l’ottimo set di accessori lo rende l’opzione più adatta ad una vasta gamma di scopi: dalla pulizia di parquet delicati alla rimozione dei peli di animali dai tappeti.

D’altra parte, la concorrenza è diventata estremamente agguerrita. Tutti e cinque i modelli di aspirapolvere senza fili in questo elenco offrono prestazioni di pulizia impressionanti per il loro prezzo e ognuno presenta vantaggi unici. Qualunque cosa scegliate, rimarrete sorpresi di quanto possano essere veloci le operazioni di pulizia.

Clicca per votare questo post!
Totale: 0 Media: 0
Back to top button